Connect with us

Altri sport

JESI / TIRRENO ADRIATICO, TEATRO PERGOLESI: PRESENTATA LA TAPPA DEL VERDICCHIO NEL RICORDO DI MICHELE SCARPONI

Il clou della serata con Roberto Mancini e David Cassani. Il primo ct della nazionale di calcio italiana, il secondo ct della nazionale azzurra di ciclismo

JESI, 5 marzo 2019 – Il 18 marzo prossimo a Jesi sarà fissato lungo il viale della Vittoria all’altezza con l’incrocio di via Montello e via Radiciotti il traguardo della 6° tappa della 54esima Tirreno Adriatico.

Al Teatro Pergolesi, ieri sera, è stata presentata la corsa con tanti ospiti illustri e tanta gente presente in sala ad applaudire, ma anche ad emozionarsi, al passaggio sullo schermo gigante di alcune immagini storiche che proiettavano le iniziative della Fondazione Michele Scarponi e le imprese del grande campione.

Sul palco con il ‘direttore d’orchestra’ Marino Bartoletti, affiancato nella conduzione della serata da Agnese Testadiferro, tanti ospiti illustri.

Bartoletti ha esordito accattivandosi subito le simpatie di tutti i presenti con un “a Sanremo un  teatro così se lo sognano“!

Da tantissimi anni a Jesi non passava una corsa ciclistica importante e l’evento prossimo è atteso con entusiasmo e curiosità.

Il Comitato organizzatore sta profondendo il massimo sforzo affinché tutto vada per il verso giusto e Jesi possa essere una vetrina da ricordare.

A fare gli onori di casa, ovviamente, il sindaco Massimo Bacci: “Ci stiamo impegnando da oltre due mesi per organizzare al meglio questo evento e per la nostra città è un onore ospitare una tappa di una corsa importante. Credo che la bicicletta in generale sia di casa in questo territorio e lo dimostrano una storia e una tradizione lunga di attività agonistica e poi la testimonianza che in questo territorio ci sia stato il boom anche del ciclismo amatoriale. Per molti nostri concittadini sarà una festa. Abbinare ad una manifestazione sportiva un brand fortissimo come il Verdicchio, vino bianco più premiato da guide professionali, che unisce poi i due territori che lo producono Matelica (città dove la tappa partirà; ndr) e Jesi (sede di arrivo; ndr), è stata un’altra grande idea. Sarà anche l’occasione per ricordare un grandissimo atleta, un campione, che era di queste parti. Michele Scarponi è rimasto nel cuore di tanti e credo in particolare di tutti quei ciclisti amatoriali che durante la settimana lo incontravano nelle nostre valli e che lui accompagnava quando si allenava”.  

Sul palco anche Fabio Sturani, capo della segreteria del presidente della regione Marche; Luigi Cerioni presidente della provincia di Ancona e sindaco di Cupramontana; Antonio Centocanti, presidente Imt (istituto marchigiano tutela dei vini); Fabio Luna, presidente comitato regionale Coni; Lino Secchi, presidente comitato regionale Marche della federazione ciclistica italiana.

La serata è proseguita con la presenza di due campioni di ciclismo molto legati alla città di Jesi: Orlando Maini e Giancarlo Polidori.

Il primo è stato il corridore che il 23 maggio 1985 arrivò primo sul traguardo di viale Martin Luther King della tappa del giro d’Italia, Cervia – Jesi. Successivamente Maini ha rivestito il ruolo di direttore sportivo per diverse società guidando campioni come lo stesso Michele Scarponi e Marco Pantani.

Polidori, invece, marchigiano di Sassoferrato ma residente a Cupramontana, è stato un po’ il simbolo del tifo locale ai tempi delle sue imprese. Imprese tutte da ricordare considerato che Polidori è stato uno dei pochi corridori che ha vestito per almeno un giorno la maglia di leader in tutte le gare a tappe compreso il giro d’Italia ed il tour de France.

Il clou della serata quando sul palco sono saliti i due ospiti più illustri ed attesi: Roberto Mancini e David Cassani. Il primo ct della nazionale di calcio italiana, jesino doc. Il secondo ct della nazionale azzurra di ciclismo.

Hanno ricordato entrambi Michele Scarponi e divertito ed interessato tutti i presenti rispondendo alle domande tra il serio e lo scherzoso di Bartoletti loro grande amico.

C’è stato anche un  siparietto simpatico con Graziano Fabrizi in arte ‘Figaro’, presentatosi con la gloriosa maglia della società ciclistica Pieralisi Jesi e poi gran finale con Simone Stortoni, ex corridore professionista nella stessa squadra di Scarponi, che ha presentato la tappa da lui disegnata come richiesto dagli organizzatori della corsa.

Presente anche Marco Scarponi, fratello di Michele, presidente della Fondazione e presidente del Comitato Organizzatore della tappa di Jesi della Tirreno Adriatico che ha illustrato i valori della Fondazione e le varie attività che essa sta svolgendo per la sicurezza sulle strade.

Evasio Santoni

©RIPRODUZIONE RISERVATA

 

presentazione tirreno adriatico-2 presentazione tirreno adriatico-4 presentazione tirreno adriatico-5 presentazione tirreno adriatico-6 presentazione tirreno adriatico-7 presentazione tirreno adriatico-8 presentazione tirreno adriatico-9 presentazione tirreno adriatico-10 presentazione tirreno adriatico-11 presentazione tirreno adriatico-12 presentazione tirreno adriatico-13 presentazione tirreno adriatico-14 presentazione tirreno adriatico-15 presentazione tirreno adriatico-16 presentazione tirreno adriatico-17 presentazione tirreno adriatico-18 presentazione tirreno adriatico-19 presentazione tirreno adriatico-20 presentazione tirreno adriatico-21 presentazione tirreno adriatico-22 presentazione tirreno adriatico-23 presentazione tirreno adriatico-24 presentazione tirreno adriatico-25 presentazione tirreno adriatico-26 presentazione tirreno adriatico-27 presentazione tirreno adriatico-28 presentazione tirreno adriatico-29 presentazione tirreno adriatico-30 presentazione tirreno adriatico-31 presentazione tirreno adriatico-32 presentazione tirreno adriatico-33 presentazione tirreno adriatico-34 presentazione tirreno adriatico-35 presentazione tirreno adriatico-36
<
>
Condividi
  •   
  •   
  •  
  •  
Continua a leggere
Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.