Connect with us

Alta Vallesina

SASSOFERRATO / NUOVO POLO SCOLASTICO NEL SITO EX VAINER: CONFRONTO LEGA – SINDACO

Costo dell’opera 6 milioni di euro, con partecipazione del comune sentinate fissata a circa 400.000 euro

 

SASSOFERRATO, 11 novembre 2019 – Nuova vita per il sito ex Vainer: al posto del calzaturificio un nuovo polo scolastico. Costo dell’opera 6 milioni di euro (a seguito di un progetto al Ministero dell’Istruzione pubblica, accettato e che ah permesso al comune di otternere il finanziamento), con partecipazione del comune sentinate fissata a circa 400.000 euro.

Andreoli immobiliare 01-07-20

Una discussione che si è sviluppata durante l’ultimo consiglio comunale, e che ha dato il via libera al progetto.

Il coordinatore di Sassoferrato Giovanni Mezzopera, il secondo da sinistra.

Con una nota stampa il coordinatore Giovanni Mezzopera ha portato una “via alternativa”: «Vogliamo esprimere il nostro parere sul nuovo plesso scolastico, perché da unaanalisi fatta avremmo percorso una strada diversa per l’ex calzaturificio; la nostra idea era quella di riattivare la zona come industriale, incentivando aziende ad insediarsi sul nostro territorio, questo perché la zona Berbentina non ha più spazi di ampliamento per le attuali aziende. Ne è un esempio una  ditta locale che per questo motivo ha preferito trasferire le sue attività a Fabriano».

Prosegue poi Mezzopera, osservando che «Un’incentivazione a produrre a Sassoferrato avrebbe creato posti di lavoro, e riportato un gettito nelle casse del Comune. Oggi le aziende aprono  centri di ricerca e sviluppo, call center, basi logistiche, poteva essere una opportunità da cogliere .La nostra idea è quella di lasciare la zona industriale , incentivandola per avvicianre imprese interessate , per creare occupazione, con una tassazione ridota per i primi 5 anni e non cambiare destinazione d’uso per realizzarci il plesso scolastico. Per la scuola realizzata con Genga si poteva individuare un posto ex novo abbattendo i costi di realizzazione evitando lo smaltimento di tutto lo stabile dell’ex calzaturificio. Tutte le altre scuole realizzate nelle marche sono state fatte ex novo su nuove aree»

La nota stampa prosegue, ed evidenzia la necessità della costruzione di un nuovo plesso scolastico, ma evidenzia anche la criticità secondo il Carroccio. «La scuola va fatta ed è una priorità per la nostra collettività e non solo , ma siamo consapevoli che prendere un finanziamento per l’acquisto e al demolizione non e cosa giusta e giustificabile . Altro, era l’acqusizione di un mutuo per la realizzazione di un palazzetto  dello sport multifunzionale per le diverse discipline sportive. Abbiamo lavorato a questo progetto con i nostri referenti regionali per la fattibilità di questa nostra idea ricevendo feedback positivi. Rispettiamo le scelte della amministrazione e ci auguriamo che venga presto realizzata, per il bene della comunità sassoferratese» .

Il sindaco Maurizio Greci

Mantiene il punto il Sindaco Maurizio Greci, che ha ripercorso la scelta (partita dalla passata amministrazione) di un nuovo polo scolastico per superere anni di criticità. «Una scelta che partita dalla scelta di costruire un nuovo polo scolastico per spostare tutte le scuole del comprensorio, quindi materna, elementare e scuola media. La zona ex Vainer è stata individuata per due motivi: recuperare una zona ex industriale degradata e seconda motivazione, la costruzione di una scuola moderna e al passo con gli standard attuali».

Prosegue poi Greci, che ribascie che la zona non poteva essere mantenuta industriale perché a ridosso del centro abitato e perché avrebbe pesato e condizionato il traffico. «Una zona non strategica – osserva – e quindi dopo le opportune valutazioni abbiamo deciso che la strada migliore era quella di una riqualificazione completa dell’area».

Iter che sta procendo, con la verifica dei progetti che si svolgerà con i tecnici del ministero

«Sono una persona pragmatica – conclude il primo cittadino sentinate – ed abbiamo ritenuto prioritario costruire una scuola piuttosto che mantenere una zona degradata»

(s.s.)

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi