Connect with us

Attualità

CHIARAVALLE / La parrocchia ha riabbracciato don Francesco

Il sacerdote è tornato al suo posto dopo essere stato ricoverato per un mese e mezzo all’ospedale “Carlo Urbani” di Jesi causa covid

CHIARAVALLE, 6 giugno 2020 – Non ne parlano volentieri ed è comprensibile perché l’esperienza è stata dura e poteva diventare drammatica.

Il Coronavirus ha lasciato segni visibili nell’animo di persone semplici e buone, di sacerdoti che si adoperano per il bene della comunità.

Uno di loro, don Francesco, cinquantenne di Senigallia che da 5 anni vive e opera nella parrocchia di Santa Maria in Castagnola di Chiaravalle ha a lungo combattuto col Covid19.

È stato ricoverato per molto tempo, circa un mese e mezzo nei reparti dell’ospedale “Carlo Urbani” di Jesi ed è stato sottoposto a tutte le cure del caso, con vari cicli di immissione di ossigeno anche se il sacerdote non è mai stato intubato.

In diversi conoscevano la situazione ma per rispetto della persona nessuno ha divulgato la notizia. Oggi che il prete è guarito e da quasi un mese è tornato al suo posto in parrocchia, fedeli e cittadini fanno festa e la comunità ha tirato un sospiro di sollievo.

C’erano paura e timore anche negli altri due sacerdoti che operano in parrocchia, il parroco don Giuseppe Giacani e don Giacomo, ma fortunatamente i due non hanno avuto problemi con il virus. Ora tutti possono riabbracciare idealmente don Francesco, riascoltare le sue omelie e partecipare alle sue funzioni religiose.

Gianluca Fenucci

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
  •   
  •  
  •  
  •   

Granpanda 03-04-20


Meteo Marche