Connect with us

Chiaravalle

CHIARAVALLE / UN BOATO PROVOCA IL PANICO IN PIENO CENTRO, A FUOCO UN ORTO

La proprietaria del campo presenterà una denuncia ai carabinieri. L’ipotesi tuttavia sarebbe di incendio non doloso

 

 

CHIARAVALLE, 12 agosto 2019 – Un boato poi altri meno dirompenti, quando mancavano pochi minuti alle 9 di stamattina, hanno gettato nel panico diverse persone in pieno centro a Chiaravalle. E subito una densa nube nera si è alzata dal campo che si trova in via Pozzi al civico 10 di proprietà di Carla Silvetti e della sorella Rita.

Un appezzamento di terreno situato nel centro storico di Chiaravalle, in un quartiere molto popolato e in mezzo a palazzi e appartamenti. Un pezzo di terra dove i proprietari hanno un bell’orto con pomodori e verdure ed anche alcune capanne che ospitano animali da cortile, conigli, piccioni ed un cane.

67803222_221003092149363_3018122803648921600_n incendio chiaravalle 68739596_1392457334230059_1131839047749074944_n 2 0 incendio capanno chiaravalle incendio capanno chiaravalle 68243004_375502329794683_2234194661134565376_n
<
>

Secondo i vigili del fuoco che immediatamente hanno raggiunto il luogo (leggi l’articolo), si sarebbe trattato di un probabile corto circuito o dello scoppio di bombole vuote ma arroventate dal sole torrido di questi giorni. Il boato che alcuni cittadini che abitano nel quartiere hanno avvertito distintamente farebbe in effetti pensare a questa ipotesi anche se Carla Silvetti, la proprietaria, ha una versione diversa. «Avrei potuto pensare ad un corto circuito se fosse piovuto – dice la signora che è ancora molto scossa dall’accaduto – ma non in giornate come queste. E poi non credo che bombole vuote possano scoppiare anche perché le due che avevamo – afferma ancora la donna indicando i due contenitori di gas – sono intatte. Piuttosto mi viene da pensare che i ragazzi che la sera e la notte frequentano la via adiacente alla rete di recinzione del nostro campo e che spesso consumano birra a fiumi e fumano moltissimo abbiano gettato, come sono soliti fare, mozziconi di sigaretta accesi sui tetti delle capanne. Ne troviamo a centinaia ogni giorno nel nostro campo ed anche bottiglie di birra, vetri, rifiuti. Questi balordi si divertono a causare danni e penso che all’origine dell’incendio ci siano le loro marachelle».

Carla Silvetti non aggiunge altro se non che inoltrerà una denuncia ai carabinieri per l’accaduto anche se la versione ufficiale dei vigili del fuoco che in poco tempo hanno domato fiamme e fumo, anche con l’aiuto di alcuni residenti della zona che si erano affrettati a munirsi di secchi d’acqua, parla di incendio non doloso.

Gianluca Fenucci

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
  •   
  •  
  •  
  •  
  •   
Continua a leggere
Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.


Meteo Marche