Connect with us

Attualità

CINGOLI / “Amate da morire”, storie di donne vittime di femminicidio

Spettacolo-dibattito con alunne e professoresse degli istituti superiori sul palco in veste di attrici per un evento ricco di emozioni

CINGOLI, 13 marzo 2022 Una mattinata emozionante e impegnativa, quella di venerdì, per gli studenti del liceo “Leopardi” e dell’ Istituto Alberghiero Varnelli” che hanno messo in campo le loro migliori forze per organizzare uno spettacolo – dibattito sul femminicidio, alla presenza della dirigente scolastica del liceo Annamaria Marcantonelli, della dirigente scolastica dell’alberghiero Antonella Canova e della dirigente scolastica del Comprensivo “Mestica” , Emanuela Tarascio.

Al tavolo dei relatori tre esperti del settore: il vice questore Patrizia Peroni, lo psicologo Francesco De Angelis e l’avvocato Fernando Salvetti, quindi l’assessore alle politiche sociali e alla cultura Martina Coppari.

Prima parte, spettacolo teatrale

L’evento si è aperto con lo spettacolo teatrale “Amate da morire” tratto dal libro Ferite a Morte scritto da Serena Dandini: un’antologia di monologhi sulla falsariga della famosa Antologia di Spoon River di Edgar Lee Master, costruita con la collaborazione di Maura Misiti, ricercatrice del Cnr. I testi attingono alla cronaca e alle indagini giornalistiche per dare voce alle donne che hanno perso la vita per mano di un marito, un compagno, un amante o un “ex”.

Attrici della locale compagnia teatrale “Liolà”diretta dal professore – regista Enrico Borsini, alunne e professoresse dei due istituti, che sono salite sul palco per dare voce a un immaginario racconto postumo delle vittime, creando un’occasione di riflessione e di coinvolgimento per tutto il pubblico presente, studenti e insegnanti. 

Tutti i monologhi hanno raccontato dei delitti annunciati, degli omicidi di donne da parte degli uomini che avrebbero dovuto amarle e proteggerle. Sulla scena solo sedie, scarpe rosse e oggetti che hanno caratterizzato la tragica avventura delle protagoniste delle storie che erano lì ad accompagnarle nei ricordi così come la musica che ne ha sottolineato gli stati emotivi.

Le attrici si sono alternate sul palco usando un linguaggio poliforme: un contrappunto emotivo, ora drammatico, ora leggero, con i toni ironici e grotteschi propri della scrittura di Serena Dandini.

Seconda parte, dibattito

La seconda parte della mattinata è stata dedicata agli interventi dei relatori, che hanno dato vita a un interessante dibattito magistralmente ed elegantemente condotto dalla professoressa Francesca Accrescimbeni.

Ogni intervento con il proprio specifico taglio e con le proprie competenze, ha messo in luce quanto la violenza contro le donne sia un fenomeno sommerso e di cui, normalmente, nei contesti educativi e di socializzazione si parla ancora poco. Al contrario, soprattutto negli ultimi anni, assistiamo a un aumento dell’attenzione mediatica al fenomeno, solitamente dopo casi sconvolgenti di cronaca.

Grazie alle ricerche fatte nel settore oggi sappiamo che la violenza sulle donne è un fenomeno trasversale perché non conosce limiti d’età, di paese, di professione e di classe sociale. E’ un problema molto diffuso e molto pericoloso perché può causare gravissimi danni per la salute delle donne e dei minori che ne assistono.

I dati raccolti sino a oggi dimostrano che la violenza contro le donne non è un’emergenza solo italiana o solo attuale, ma un problema antico e diffuso in tutto il mondo che affonda le sue radici in un certo quadro culturale.

Un’ occasione importante, dunque, per sensibilizzare i ragazzi a imparare a riconoscere i segnali di rischio e di allarme relativi alle vittime (anche di violenza assistita in famiglia) e ai potenziali autori di violenza anche psicologica. 

L’obiettivo, quello di lavorare in sinergia tra istituzioni e scuole (e lo spettacolo – dibattito ne è stato un esempio efficace e costruttivo ) per contrastare pregiudizi e stereotipi legati al ruolo del genere femminile nei diversi contesti di vita, anche nell’ambito scolastico, per superare le barriere culturali, per promuovere la cultura delle pari opportunità come prevenzione della violenza contro le donne

Dietro le persiane chiuse delle case si nasconde, infatti, una sofferenza silenziosa e l’omicidio è solo la punta di un iceberg di un percorso di soprusi e dolore che risponde al nome di violenza domesticaPer questo non bisogna smettere di parlarne e cercare, anche attraverso il teatro, di sensibilizzare il più possibile l’opinione pubblica.

Un omaggio floreale a tutti i protagonisti dell’evento è stato offerto dalle studentesse dell’indirizzo di ricevimento dell’Istituto Alberghiero che, come in tutte le occasion, hanno dimostrato professionalità e competenza.

Condividi
  
    

news

Cronaca3 minuti fa

Jesi / Il consigliere Giancarlo Catani propone nuova adesione al Premio Vallesina

Interpellanza nel Consiglio comunale di domani, il Comune di Jesi ne era uscito 16 anni fa «ma ora sarebbe opportuno...

Marche news48 minuti fa

Covid-19 / Anche oggi nuovi casi positivi sopra quota 1.000

L’ incidenza regionale cresce per il decimo giorno consecutivo e passa da 323,67 a 361,10 di Redazione Ancona, 28 settembre...

Alta Vallesina59 minuti fa

Fabriano / Whirlpool, la multinazionale non si presenta al tavolo del Mise

Dura la presa di posizione di Fiom e Cgil: «Governo utilizzi poteri speciali per fermare spregiudicatezza multinazionale» di Redazione Fabriano,...

Cronaca1 ora fa

Jesi / Mre: una targa per ricordare il Mutuo Soccorso

L’edificio di via Garibaldi abbattuto nel 2017, al suo posto un parcheggio, la sollecitazione di Katia Mammoli: «E’ stato una...

Attualità2 ore fa

Cingoli / Il sogno rap di Matteo e Ovidiu

Per poter realizzare il videoclip musical con Martyna Smith, icona top del mondo dello spettacolo, hanno lanciato una raccolta fondi...

Alta Vallesina3 ore fa

Fabriano / Elica, approvata distribuzione di un dividendo ordinario

Francesco Casoli, Presidente di Elica: «Dopo anni di grande impegno e di duro lavoro Elica torna a remunerare» di Redazione...

Eventi & Cultura4 ore fa

Jesi / Il Sindaco riceve l’ambasciatrice di Cuba

La diplomatica in città per l’inaugurazione a Palazzo Bisaccioni della mostra dell’artista cubano Luis Alberto Saavedra Jesi, 28 settembre 2022...

Sofia raffaeli Sofia raffaeli
Attualità4 ore fa

Chiaravalle / Sofia Raffaeli al voto, l’emozione della prima volta

La campionessa del mondo di ginnastica ritmica è già rivolta ai prossimi impegni che la vedranno prima a Berlino per...

Cronaca5 ore fa

Jesi / La morte di Bruno Arena dei Fichi d’India, il ricordo di Selena Abatelli

«Con lui ci sentivamo ogni settimana e prima del Covid spesso ci incontravamo insieme a sua moglie Rosy e a suo...

Attualità5 ore fa

Cingoli / Le classi prime del “Leopardi” al Parco Avventura

Un’occasione per socializzare ma anche mettere alla prova le proprie abilità e vincere la paura, utile ai ragazzi prima di affrontare...

Meteo Marche