Connect with us

Alta Vallesina

FABRIANO / LA PULIZIA DEL VERDE DIVENTA UN CASO POLITICO: DUELLO “SOCIAL” TRA SINDACO, DUCOLI ED ARTECONI

Una bufera scaturita da un post del primo cittadino

 

FABRIANO, 22 agosto 2018 – “Perchè Anconambiente nelle aree verdi e nelle aiuole, comprese quelle degli alberi, non fa la raccolta dei rifiuti?” Parte così il ragionamento del primo cittadino Santarelli, consegnato ai social network ieri, che spiega così un fatto che dice di “Averlo scoperto solo pochi giorni fa”.

La ricostruzione di Santarelli

“In passato avevano ben pensato di fare un doppio accordo: uno con Anconambiente e l’altro con le cooperative del verde. Anconambiente da contratto faceva la raccolta dei rifiuti a terra ma non nelle aree verdi, nemmeno nelle aiuole intorno agli alberi lungo i viali dove la raccolta era stata invece assegnata alle cooperative. In questo modo accadeva la cosa assurda per la quale due aziende con operatori diversi intervenivano in tempi diversi con doppia spesa nella stessa zona. Anconambiente spazzava i marciapiedi e tagliava l’erba ma non poteva raccogliere i rifiuti lasciati all’interno delle aiuole e non poteva tagliare i polloni alla base degli alberi”.

Lancia poi la bordata poltica Santarelli affermando  “Che il mondo delle cooperative avesse appoggiato il PD nelle elezioni del 2012, tanto da aver formato una lista in appoggio, è un’altra storia che ognuno è libero di intepretare secondo coscienza e intelligenza, così come è di libera interpretazione il motivo dei ripetuti attacchi a me e al M5S con accuse infondate con cui si scatenarono durante la campagna elettorale del 2017”.

Parla poi di come intende “ripare” a quella che lui ritiene una stortura e conclude, non rispardiamo l’ennesima stoccata nei confronti delle cooperative. “Il contratto di Anconambiente scade a fine 2018 quello delle cooperative è scaduto da tempo. Questo ha comportato una carenza di pulizia in quanto al termine del contratto con le cooperative non c’era più nessun soggetto che avesse l’incarico di pulire le aiuole. Per questo noi siamo stati costretti a operare più volte con interventi straordinari di Anconambiente e per questo nel nuovo contratto cercheremo di introdurre anche la pulizia delle aiuole”.

L’ira del PD: “Invece di illazioni, agisca nelle sedi opportune”

Qualche ora e subito la risposta dei Dem fabrianesi, che per bocca del segretario Francesco Ducoli replicano con fermezza alle accuse del primo cittadino pentastellato. “Sono stupito, Santarelli questa volta si è superato”.

“Forse il Sindaco non sa – attacca Ducoli – che gli interventi nelle aree verdi davano lavoro ai Fabrianesi. Se ritiene di attaccare Cooperative e gestione precedente, invece di illazioni buttate là tanto così per fare agisca nelle sedi opportune.
Ma non mi sembra ciò sia avvenuto. Quindi persa la prima opportunità per tacere”.

Usa poi l’arma dell’ironia Ducoli, osservando che “Prendo atto con grande felicitàche finalmente il Sindaco si è fatto un giro per Fabriano, scoprendo che il decoro pubblico è ai limiti della decenza. ”
Ci parlava di piazza, gente, contatto con il territorio: sinceramente vederlo per Fabriano è sempre più raro. Magari dopo più di un anno avrebbe fatto bene a tacere. Seconda chance sfumata. La soluzione ai problemi della Città non può essere lo scaricabarile: cominciamo un po’ tutti a capire questi goffi tentativi di nascondere l’inadeguatezza dell’amministrazione”.

Arteconi: “Il contratto di servizio? Io l’ho letto sul sito di Anconambiente”

Entra nella questione anche Vinicio Arteconi, che commenta perplesso “Leggendo su internet il contratto di servizio del 2009 e l’aggiornamento del 2013, Ancona Ambiente deve pulire le aree pubbliche e le loro adiacenze, esclusi i parchi e aree a verde. Non vedo scritto che Ancona Ambiente non deve pulire le aiuole intorno agli alberi lungo i viali, come è stato dichiarato. Esiste forse un atto di accordo non pubblicato?”

E poi punzecchiate al primo cittadino, con lo stupore incomprensibile da parte di Arteconi (e quindi anche da parte di Associazione Fabriano Progressista) e l’osservazione che “Il contratto di servizio e tutti gli accordi dovrebbero essere noti quanto meno ai dirigenti del Comune, io l’ho letto senza difficoltà sul sito di Anconambiente. Ricordo che nel mese di maggio 2018 è stato fatto anche un comunicato stampa in cui si annunciava che era iniziato il lavoro sui polloni con la collaborazione di Ancona Ambiente. Ma se Ancona Ambiente non era competente, sono stati pagati a parte per questo lavoro oppure hanno collaborato gratuitamente? Anche ad ottobre, in risposta a una mia interrogazione si è parlato della pulizia dei polloni lungo i viali, quindi chi l’ha fatta? Dieci mesi fa pure segnalata dal Sindaco la mancanza del regolamento del verde, chiesto dalla Regione, visto il tempo che è passato sarebbe il caso di provvedere quanto prima. Avendo le idee chiare su come gestire il verde pubblico, non si potrebbe aggiustare il tiro con una variazione al contratto di servizio, come ho visto è stato fatto nel 2011 e nel 2013?”

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
  •   
  •  
  •  
  •  
  •   
Continua a leggere
Advertisement
loading...
Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.


Meteo Marche

Copyright © 2018 - Tutti i diritti riservati Associazione Culturale Massa Actii - via Roma, 18 - Cupramontana (An) Italy - P.IVA 02573660426 - tel. +39 0731 789023 - Registrazione c/o Tribunale di Ancona n° 1/13 del 14/01/2013 - Direttore Responsabile Oddino Giampaoletti.