Connect with us

Alta Vallesina

GENGA / Scoperta una grotta frequentata dall’uomo 16.300 anni fa

Andreoli immobiliare 01-07-20

Resti di cacciagione, di focolari e un probabile tumulo funerario: anche i geologi Unicam impegnati nel lavoro di ricerca

GENGA, 18 agosto 2020 – Un nuovo studio scientifico presenta un’importante scoperta archeologica fatta in una grotta appartenente al complesso carsico di Frasassi del Comune di Genga.

Allo studio del sito, effettuato da un gruppo di ricercatori internazionali guidato da Alessandro Montanari, direttore dell’Osservatorio Geologico di Coldigioco (MC), ha preso parte anche la Sezione di Geologia della Scuola di Scienze e Tecnologie dell’Università di Camerino, col paleontologo Marco Peter Ferretti che ha analizzato i reperti fossili negli scorsi anni.

La ricerca, pubblicata nella Rivista Internazionale di Speleologia, disponibile a questo  link , ha permesso la mappatura della cosiddetta “Sala del Fuoco” nella Grotta del Fiume (complesso carsico di Frasassi) e l’analisi di reperti archeologici e paleontologici, come i resti di carbone di almeno quattro focolari, varie ossa di stambecco e manufatti in selce. Il materiale fu scoperto nel 1989 dal Gruppo Speleologico Marchigiano di Ancona e successivamente archiviato dalla Soprintendenza archeologica regionale.

La mappa della grotta è stata effettuata con moderni strumenti di rilevamento, tra cui scanner laser terrestre e radar a penetrazione terrestre. Le datazioni al radiocarbonio ottenute sui resti di stambecco e sui carboni dei focolari hanno dato un’età di circa 16 mila anni, per cui la Sala del Fuoco rappresenterebbe uno dei pochi siti archeologici italiani datati radiometricamente riferibile all’ultimo Pleniglaciale. Inoltre, la datazione U-Th della calcite da speleotemi ha aiutato a ricostruire l’ambiente ipogeo nel momento in cui era frequentato dall’uomo.

I manufatti litici, studiati da Gaia Pignocchi, archeologa di Ancona e coautrice dello studio, testimoniano una rara industria epigravettiana in quest’area dell’Appennino settentrionale. È stato anche rilevato un deposito peculiare di lastre di crosta di speleotemi accatastate in un angolo della caverna, che potrebbe rappresentare un tumulo funerario.

L’ipotesi è che la Sala del Fuoco della Grotta del Fiume nel complesso carsico di Frasassi rappresentasse un luogo di culto utilizzato sporadicamente da pochi rappresentanti di una comunità locale di cacciatori epigravettiani durante l’ultimo periodo glaciale. Il termine Epigravettiano indica una cultura preistorica della fine del Paleolitico superiore, diffusasi in gran parte dell’Europa a partire da circa 20.000 anni fa, durante l’ultima fase glaciale (glaciazione würmiana).

L’ambiente in Italia era molto diverso dall’attuale, i ghiacci e le nevi perenni scesero a 1400 m sul livello del mare. L’alto Adriatico emerse a causa della regressione marina. Nelle regioni tirreniche si alternavano paesaggi di steppa arborata a pino, ad aree di rifugio della vegetazione mediterranea. Le regioni adriatiche furono maggiormente esposte alle influenze continentali con ambienti di prateria montana, di tundra e, nelle fasi più aride e fredde, di steppa di tipo asiatico. Stambecchi, camosci, cervi, cavalli e uri rappresentavano la cacciagione preferita delle comunità umane dell’epoca, che si trovano prevalentemente in ripari sotto roccia e all’imboccatura di grotte.

(d. g.)

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
  
    

news

Alta Vallesina5 minuti fa

Fabriano / Incidenti stradali e patenti ritirate

Carabinieri in azione per contrastare il fenomeno della guida in stato di ebbrezza Redazione Fabriano, 28 novembre 2022 – I...

Opinioni20 minuti fa

Castelplanio / «Valorizziamo le capacità dei piccoli olivicoltori e frantoiani»

«Facciamo oli di qualità, buoni, sani, genuini ed espressione del territorio» *di Gianni Chiodi Castelplanio, 28 novembre 2022 – La...

Alta Vallesina31 minuti fa

Fabriano / Al via l’Erasmus per il Morea Vivarelli

Il progetto coinvolgerà docenti e ragazzi ,che partiranno per un periodo di mobilità di studio e tirocinio lavorativo in altri...

Alta Vallesina1 ora fa

Sassoferrato / Incendio in campagna, brucia un casolare

L’intera abitazione è stata dichiarata inagibile anche a causa del crollo parziale di un solaio Redazione Sassoferrato, 28 novembre 2022...

Cronaca6 ore fa

Jesi / “Premio Elisabetta Massaccesi” a tre studenti meritevoli

Le borse di studio assegnate per lo scorso biennio del Liceo Scientifico “da Vinci”, Vittorio Massaccesi: «Mia figlia aveva frequentato...

Cronaca6 ore fa

Jesi / Centro vaccinale, ultime aperture di novembre

Per dicembre uscirà a fine mese il calendario aggiornato per le somministrazioni, i locali per le vaccinazioni Covid sono stati...

Attualità6 ore fa

Castelbellino / Tutto pronto per accendere il grande Albero di Natale

Appuntamento per domenica 4 dicembre al nuovo Centro Culturale Polivalente di Stazione, alle 19 la collina si illuminerà con il...

Sport6 ore fa

Jesi / Judo Samurai in festa, promozione in A1

A coronamento di un anno speciale, il 2022 è il 40° di attività e non poteva esserci miglior risultato Jesi,...

Eventi6 ore fa

Jesi / Quanti cuori invisibili hanno ancora bisogno d’amore

Giornata contro la violenza sulle donne, i due interessanti appuntamenti a Palazzo dei Convegni e al “Piccolo” di San Giuseppe...

Marche news6 ore fa

Ancona / La Polizia Scientifica scende in piazza

Allestito un gazebo volto a illustrare ai cittadini le preziose attività di indagine, repertazione e ricerca Ancona, 28 novembre 2022 – Nel pomeriggio di...

Meteo Marche