Connect with us

Calcio

PERSONAGGI SPORTIVI ILLUSTRI / INTERVISTA A EVARISTO BECCALOSSI IN VISITA ALLA SCUOLA CALCIO ROBERTO MANCINI

Jesi – Evaristo Beccalossi in visita alla scuola Calcio Roberto Mancini. L’ex calciatore dell’Inter, uno scudetto con la maglia neroazzurra oltre a due Coppa Italia una con l’Inter ed una con la Sampdoria, ha incontrato lo staff tecnico ed i giovani calciatori della società Junior Jesina per un aggiornamento. Beccalossi è anche un noto opinionista e con lui abbiamo parlato di calcio, della serie A, di Roberto Mancini.

Beccalossi come vede il finale di questo campionato italiano?

“La Juventus ha vinto il campionato, la speranza, da interista, è quella di riuscire ad inserirsi nella volata finale per un post Champion. Va considerato che Roma e Napoli sono anni che hanno avviato il progetto e di conseguenza sono più pronte rispetto al club interista. Se l’Inter riuscirà ad inserirsi, va bene, ma se accadrà il contrario nessuno si dovrà stracciare le vesti per il mancato raggiunto obiettivo. Secondo me Mancini ha fatto un ottimo lavoro. C’era da capire se su sette otto giocatori, perché quando cambi tanto non è facile amalgamare una squadra. L’Inter ha disputato un girone d’andata in testa alla classifica contro avversarie che da diversi anni lottano per il vertice. Se alla fine non si arriva terzi ma quarti non sarà un campionato negativo. Questa è l’idea che deve passare. Invece la sensazione è che essere stati quasi sempre primi nel girone d’andata voglia significare che l’Inter sia più forte di tutti. In quella fase lì sia l’Inter che la Fiorentina hanno fatto molto bene perché c’è tanta mano dei loro allenatori, Sosa e Mancini, perché hanno tenuto testa, alla pari, a squadre che hanno un progetto avviato da tempo.”

Del Carpi del marchigiano Castori cosa dice?

“Sta facendo un lavorone. Castori arriva a giocarsi la salvezza con la volontà ed il carattere di una squadra partita dopo un campionato straordinario di B approdando alla serie A. Come tutte le cose, secondo me il Carpi ha perso tempo mandando via Castori perché l‘identità di quella squadra era solo ed esclusivamente per Castori, ora avendo come mentalità proprio quella giusta di dover lottare fino alla fine per salvarsi stanno facendo bene e sono competitivi per potercela fare. Allora ti viene il rammarico che se la società continuava con il progetto iniziale e con Castori qualche punto in più lo avrebbero fatto ed ora sarebbero un po’ più sereni”.

Come è visto il ‘Mancio’ da un ex giocatore interista e da un milanese tifoso dell’Inter?

“Dai tifosi è visto bene da tutti! Credo che ci sia poca coerenza invece da parte di molti tuoi colleghi. Nel girone d’andata la forza dell’Inter è stata che su 16 giocatori tutte le domeniche il ‘Mancio’ cambiava formazione e teneva tutti sopra la corda comunicando chi scendeva in campo solo all’ultimo istante. E siamo andati in testa alla classifica. Tutti dicevamo: Mancini sta tenendo bene lo spogliatoio. Il girone di ritorno, stessa situazione. Ma quando l’Inter ha iniziato a non vincere tutti a dire: non si può cambiare formazione ogni domenica. Questo mi fa arrabbiare, la poca coerenza. Per Sosa e Mancini essere stati per lunghi tratti di campionato con merito davanti a tante squadre significa che ci hanno messo molto del loro perché Fiorentina ed Inter, come squadra, non sono superiori a Juventus, Roma e Napoli. Questo bisogna e bisogna  tenerlo presente. Poi anch’io dico e spero che l’Inter arrivi terza ma se non sarò così non vuol dire aver fallito. A quel punto bisognerà individuare chi l’anno prossimo dovrà restare e fare gli inserimenti giusti per essere la prossima stagione più competitivi”.

Renato Bargnesi e Evaristo Beccalossi

Renato Bargnesi e Evaristo Beccalossi

A Jesi Beccalossi ha incontrato Renato Bargnesi suo avversario ai tempi della Primavera quando l’attuale responsabile del settore giovanile della Jesina giocava a Verona e Beccalossi a Brescia. I due si sono salutati con affetto e ricordato le loro gesta di circa 30 anni fa.

 

(evasio.santoni@qdmnotizie.it)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
  •   
  •   
  •  
  •  
Continua a leggere
Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.