Connect with us

Misticanza jesina

MISTICANZA JESINA / PENSIERI & CHIACCHIERE IN DIALETTO

UNA JESINA IN FRANCIA

 

 

«Ndo ede passado le ferie, Mariola, a la Sgurgola che non v’ho visto mai ‘sti giorni?».
«Mango ve l’ sognade ndo so gida, Fedora».
«E ndo sarede stada mai…».
«A Parigi, cara mia, a Parigi!».
«Sci, ‘rcontademene n’antra!».
«No, no…ve ‘rconto proprio quessa invece».
«Ma come? Ve stade sempre a lamentà che non c’ede ‘n bocco!».
«Beh, que c’entra…io infatti non ce voléo gì, perché i storni me vola sempre bassi muntobè e qualche ‘olta li ‘cchiappo ‘ncora co’ le ma’, ma Vincè mia ha ‘nsistido tanto: “Daje, viecce – m’ha ditto – vedrai che ce divertimo”, e po’ ha prenotado».
«E dide ‘n po’, come v’è sembrada ‘sta capidale de la Francia?».
«Mbè, credéo mejo…».
«Que??».
«E sci, cure de chì, cure de là, m’ha straginado ‘ncora ‘nte ‘l boja de Neno, ma non m’è parsa ‘na gran robba…».
«Ma non me dide…».
«Sci, sci, ve ‘l digo proprio…m’ha portado pure al Luv, el museo ‘ndocche tiè la Gioconda: capirai…un guadruccio che pe’ guardallo te ce sguerci…que c’entra, n’è brutto, ma sci ve dovessi dì, a me me piace de più i quadri de Mondo…».
«Ma non me dide…».
«Sci, sci, ve digo pure quessa…e po’, tutta st’importanza che se dà ‘ssi francesi, chissà chi je pare da esse…e mo’ c’avrà nigosa lora! “Pardò…commà…no comprempà”: e sci el pa’ no’ lo vòi, no’ lo comprà…’ssa quanto me frega a me! Ma va’ a morià ‘cciaccado te e mammeda!».
«Che gente, Marì mia! È proprio vero: sci ve l’avevade magnadi quei guadrì, era mejo!».
«È quel che digo pure io. E po’ quanti n’ho spesi de guadrì, Fedora mia! Non je bastava mai, cazzarola! Ma Vincè paréa matto, parlava con tutti, dava confidenza, e quelli dopo lo fregava. “Non te ciammistigà co’ ‘ssi ‘nsumbianti, tollorò, ma no’ lo vedi che t’ambroja??”, je dicéo, ma lù mango pe’ le otto, che babbeo!».
«Mbè sa’, l’ommini è boccaloni muntobè!».
«Lora sci, ma io no! Co’ ‘l caòlo che je ce ‘rtorno a Parigi, mango sci me ce paga! Le ferie n’antr’anno le passo chì casa mia, a la faccia de quei gallastrò! “Visidé, visidé”…sci, sempre questa ho sentido, ma a forza de “visidè” e de “paghé”, SO’ ‘RMASSA INCHIAPPETTÉ!».

Gioia Morici

gioia.morici@qdmnotizie.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
  •   
  •   
  •  
  •  
Continua a leggere
Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.