Connect with us

Attualità

CINGOLI / Animali in libertà, la protesta dei cittadini di Troviggiano

Un piccolo “zoo” nella frazione cingolana provoca da anni non pochi disagi ai residenti, i quali vogliono risposte dalle autorità competenti

CINGOLI, 2 ottobre 2020 – I residenti di Troviggiano denunciano il degrado di un “allevamento” di animali  e chiedono l’intervento delle autorità.

Ci è giunta, infatti, la segnalazione di alcuni cittadini della frazione di Cingoli, stanchi dal protrarsi di questa sgradevole situazione.

Nel pieno centro della frazione, infatti, in un’abitazione sono lasciati quasi incustoditi diversi animali, quali galline, oche, papere, cigni e cani, con quest’ultimi che girovagano indisturbati nelle vie di Troviggiano.

«Tutto ciò – spiegano i residenti – viene custodito più o meno da una signora, che vive da sola. La custodia di questi animali tende molto a desiderare, visto che gli animali vengono lasciati andare in giro, passano da sotto la rete e si intrufolano negli orti dei vicini. Non vengono rispettate le norme igenico-sanitarie, dato che il cattivo odore arriva fino alle nostre abitazioni».

I vicini sono da tempo sul piede di guerra, alla ricerca di risposte da parte delle istituzioni.

«Ci domandiamo – chiariscono i cittadini che ci hanno contattato – se in un centro abitato possa poter essere permesso tale allevamento. Ci sono anche un pezzo di terra dove  l’erba già alta cresce e un canneto che la signora ha lasciato incolto, dove sono state viste strisciare serpi. Ora sono arrivati anche tre struzzi, uno ferito a una zampa. Se prima c’era cattivo odore, ora la puzza di escrementi è indescrivibile».

F8AFD8E5-9880-4C0C-9293-144441AEED2D F7F8B5FE-3F2B-453F-AB76-89F26ACBE3A1 F73FE63A-27E2-4677-8042-21A1308A28DD 2A0DA6AA-FACB-4588-B7EE-FE188D619FF4 0268D9E3-F48E-4034-967A-8AEF4F2691F3
<
>

Il problema dei cani coinvolge tutta la frazione.

«La signora – spiegano i residenti – li lascia incustoditi e loro fanno i bisogni in giro. Sono 6-7 e sono pericolosi perché fanno branco e abbaiano a tutte le ore del giorno e della notte, dalle 23 alle 2 e dalle 3.30 alle 5. Abbiamo registrato e fotografato il tutto».

Le istituzioni sono a conoscenza della situazione.

«Sono state allertate le autorità competenti – chiarisce chi ci scrive – ma ogni volta per un certo periodo la signora sta tranquilla, poi ritorna tutto come prima. Ne abbiamo la prova, qualche anno fa fu scritto un articolo sul branco di cani incustoditi, vennero tolti alla signora per un certo periodo e poi per magia gli vennero ridati e tutto tornò come prima».

Questi cittadini mantengono l’anonimato, perché temono ritorsioni.

«La signora – spiegano – è vendicativa e minaccia tutti, per questo preferiamo non firmarci. Abbiamo sopportato di tutto, ma ora basta, è stato superato il limite. Non è possibile tenere un allevamento con 40-50 animali in pieno centro abitato. E’ ora che le autorità o chi di competenza facciano dare una bella ripulita alla zona. Se poi succedesse qualcosa, verranno ritenuti responsabili».

Se la proprietaria degli animali vuole replicare o le autorità vogliono esprimere la loro posizione in merito, possono scriverci all’indirizzo e-mail redazione@qdmnotizie.it, per dare voce anche alle loro opinioni.

Giacomo Grasselli

giacomo.grasselli@qdmnotizie.it

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
  •   
  •  
  •  
  •   


Meteo Marche

Copyright © 2018 - Tutti i diritti riservati Associazione Culturale Massa Actii - via Roma, 18 - Cupramontana (An) Italy - P.IVA 02573660426 - tel. +39 0731 789023 - Registrazione c/o Tribunale di Ancona n° 1/13 del 14/01/2013 - Direttore Responsabile Oddino Giampaoletti.