Connect with us

Attualità

CISL / Pensionati e pandemia: la video conferenza con il sindacato

All’appuntamento digitale hanno partecipato Sauro Rossi, Carlo Zezza, Alessandro Marini, Maurizio Mandolini e i componenti dei direttivi sindacali di Jesi, Fabriano e Senigallia

SENIGALLIA, 27 gennaio 2021 – Con una videoconferenza molto interessante e partecipata, organizzata dal Segretario Carlo Zezza, della Rls Fnp-Cisl di Senigallia, si sono incontrati i direttivi di Senigallia, Jesi e Fabriano per approfondire le questioni poste in essere da questa pandemia.

Alla video conferenza hanno partecipato il dottor Maurizio Mandolini (coordinatore Ats8– Servizi Sociali Territoriali – Comuni della Marca Senone- Emergenza Covid), il dottor Alessandro Marini (direttore Distretto Sanitario Senigallia – Emergenza Covid), Sauro Rossi (segretario generale Cisl Marche), i componenti dei Consigli direttivi Rls Fnp Cisl di Senigallia, Jesi e Fabriano, i collaboratori, alcuni iscritti, Maria Grazia Sabbatini segretaria Rls Fnp Cisl Jesi, Gianni Pellacchia segretario di Fabriano. Presente anche il responsabile regionale Fnp, Dino Ottaviani.

Zezza ha portato il saluto a tutti i artecipanti, poi ha brevemente sottolineato: «Iniziamo il percorso con questi moderni mezzi telematici, utili a coinvolgere iscritti, tecnici, sindacalisti, rispettando le odierne norme anticontagio, utili perché non sappiamo quanto durerà questa pandemia. Dobbiamo registrare una situazione politica di governo molto incerta. Sarebbe auspicabile un tavolo con tutte le forze politiche e sociali: abbiamo perso tanti posti di lavoro e la preoccupazione è pesante per la precarietà di tante famiglie. Grazie a Mandolini e a Marini per averci accordato la loro presenza,

Mandolini ha tracciato una puntuale cronistoria della pandemia partendo dall’origine, dalla fase di disorientamento dei servizi, dovuta al nebuloso scenario del nostro Paese e ai diversi contrasti istituzionali tra Regione Marche e Governo Conte. In sostanza, dall’intervento, si è potuto comprendere come i servizi posti in essere sono stati migliorati non solo attenendosi alle direttive governative, specie in momenti di particolare fragilità. Mandolini ha pure sottolineato l’importanza della tutela sanitaria degli operatori e degli aiuti destinati a sostenere le fragilità delle famiglie in difficoltà.

Di seguito è intervenuto Alessandro Marini che ha rilevato come ognuno di noi ha avuto storie positive o meno a causa di questa pandemia che ha cambiato i comportamenti di ognuno e della collettività. Seguendo anche lui un dettagliato resoconto proveniente dall’esperienza sul campo in tutte quelle attività svolte per fronteggiare la pandemia, ha ricordato i servizi sanitari ospedalieri, i costanti monitoraggi (lo screening di massa è stato uno sforzo enorme), il coinvolgimento di tante figure professionali, l’inizio delle vaccinazioni, i problemi legati alla disponibilità del vaccino ed ha affermato: «Noi siamo presenti ma è necessario che arrivi il vaccino. E’ necessario chiudere questa fase della vaccinazione e noi siamo pronti».

Quando è iniziato il dibattito sono state poste a Marini alcune domande da Carlo Zezza e da Maria Grazia Sabbatini, alle quali è stata data un’ampia risposta. Infine è intervenuto il segretario generale Cisl Marche, Sauro Rossi, che ha ringraziato i due medici intervenuti per la ricchezza e la chiarezza degli argomenti trattati, passando poi a considerare la necessità, dettata da questa sfida planetaria, di superare il vecchio modo di approcciarsi alle problematiche della comunità per dare nuove e più soddisfacenti risposte. Ha aggiunto che oggi serve la riorganizzazione giornaliera della quotidianità e soprattutto non ci può essere un piano di ripresa se non c’è un coinvolgimento ampio.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
  •   
  •  
  •  
  •   


Meteo Marche