Connect with us

Cronaca

JESI / CON “VISITE D’ESTATE” ALLA SCOPERTA DELLA CITTÀ CHE NON TI ASPETTI

jesi4JESI, 29 giugno 2016 – Il comune di Jesi, in collaborazione con le associazioni culturali e le associazioni di categoria, presenta il programma di “Visite d’Estate“, un ricchissimo menù di proposte turistiche e culturali per conoscere la città e la sua storia e per partecipare a iniziative in calendario sino a settembre.

Il programma, pressoché quotidiano, è rivolto ai turisti attratti dalle bellezze storico-artistiche della città di Federico II e ai residenti, che potranno partecipare ai tour guidati alla scoperta degli intinerari più insoliti e segreti nel cuore antico di Jesi o nei vecchi quartieri popolari e operai. Insieme alle visite guidate saranno proposti laboratori didattici rivolti ai più piccoli, da sempre fiore all’occhiello dell’attività dei musei civici, tra i primi nelle Marche a occuparsi di didattica museale. Ai laboratori proposti dalla Pinacoteca Civica, dallo Studio per le Arti della Stampa e dal Museo Diocesano si aggiungeranno anche le iniziative della Fondazione Cassa di Risparmio di Jesi, con gli appuntamenti per i bambini e le loro famiglie che si terranno nelle sale museali di Palazzo Bisaccioni.

jesi1Alle visite guidate di carattere più propriamente turistico – rivolte in particolare ai visitatori e che comprenderanno la Pinacoteca Civica, il Museo Diocesano, il Teatro Pergolesi, la Chiesa di San Marco e il giro del centro storico – si aggiungeranno proposte di visita più inconsuete e in parte già collaudate come la visita lungo la magnifica cinta muraria medioevale, la visita ai sotterranei delle chiese di San Pietro e dell’antichiessima Santa Maria del Piano, la serata dedicata al quartiere ebraico di Jesi (o meglio a quella parte del centro storico dove tra la fine del Medioevo e la prima età moderna si trasferirono alcuni nuclei di famiglie israelite) e il giro tra le quinte e le parti più nascoste del Teatro Pergolesi alla ricerca di un ipotetico “fantasma dell’opera“.

Altra proposta originale e attraente, soprattutto per gli jesini, sarà costituita dalle passeggiate nel centro storico denominate “Ricordi di Jesi” alla scoperta, o meglio ri-scoperta, di vecchi personaggi caratteristici che appartenevano alla Jesi popolare e plebea, nel senso più nobile del termine che, come quella romana o napoletana, aveva un suo spessore di umanità fatto di sagacia, di arguzia, di motti di spirito anche feroci e alla quale le commedie di Lello Longhi e di Martin Calandra seppero dare dignità letteraria e poetica.

Il programma di “Visite d’Estate” – reperibile sul sito internet del Comune – annuncia dunque una stagione piena di proposte interessanti, che renderanno più piacevole il passaggio dei turisti e contribuiranno a far conoscere agli jesini la loro magnifica città.

Condividi
  •   
  •   
  •  
  •  
Continua a leggere
Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.