Connect with us

Cronaca

JESI / ALTALENA PER DISABILI AI GIARDINI, ANCORA POCO RISPETTO: ADESSO LA SPORCANO DI FANGO

alt2JESI, 6 giugno 2016 – Solo il temporale che si è abbattuto sulla città verso mezzogiorno di oggi, 6 giugno, è riuscito a ripulire dal fango l’altalena da poco inaugurata insieme all’area giochi per disabili ai giardini di viale Cavallotti.

Ieri, domenica, sinché c’è stato il sole il gioco è stato tranquillamente occupato da tanti bambini sotto lo sguardo dei genitori che, continuando sul filone della maleducazione persistente, si sono ben guardati dallo spiegare loro che lì, per rispetto di chi è meno fortunato di loro, non si poteva giocare.

Poi è piovuto ma evidentemente qualcuno, placata la pioggia, ha continuato a giocarci ancora visto che l’altalena stamattina era imbrattata di fango – anche sulle ringhiere di protezione che evidentemente servono per appoggiarci i piedi -, quelle che si vedono non sono certo tracce lasciate da carrozzine per disabili.

alt1Non smetteremo mai, almeno finché non la smettono gli incivili, a puntare la nostra attenzione su quel gioco che, in barba a tutti gli avvertimenti, le foto, le segnalazioni, continua a essere utilizzato anche e soprattutto da chi non dovrebbe. Ci vorrebbe, a questo punto, un grande cartello, piazzato lì vicino, che spiegasse a chiare lettere a chi è destinato – le segnalzioni, comunque, ci sono – e che è segno di rispetto, lo ripetiamo, non utilizzarlo anche se in quel momento non ci sono ragazzi disabili che ne vogliano usufruire.

E non sarebbe neanche male che qualche volta anche la nostra polizia locale facesse un giretto da quelle parti, quelle dei giardini. Per spiegare, almeno, a quei genitori che se ne fregano, che un barlume di senso civico andrebbe mantenuto. Tanto per dare l’esempio alle loro future generazioni.

(p.n.)

 

Condividi
  •   
  •   
  •  
  •  
Continua a leggere
Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.