Connect with us

Attualità

JESI / DONATI LIBRI ALLA SCUOLA PRIMARIA “FEDERICO CONTI”

Consegnati stamattina 78 testi da Claudia Lancioni dell’Anffas, all’iniziativa hanno collaborato anche Aido e Sandro Grilli titolare della ex Libreria Cattolica

JESI, 30 novembre 2019 – Da anni l’Anffas raccoglie libri nuovi e usati di ogni genere, tanto da aver costituito una piccola biblioteca miscellanea nel locale che il Comune ha concesso in affitto all’associazione e all’Aido.

Stamattina 78 libri sono stati portati alla primaria Federico Conti, alle 10.15, durante la merenda (foto in primo piano), essendo la scuola in cerca di libri per ampliare la scelta della lettura.  L’iniziativa ad opera di Claudia Lancioni, membro dell’associazione, in collaborazione con Bruno Baiardi dell’Aido e Sandro Grilli, titolare dell’ex Libreria Cattolica: «Lo ringrazio di cuore – sottolinea Claudia  – per i cinquanta testi che ci ha donato».

d045f2da-23be-41ea-9dba-4a0f758677d6 031d0b5f-6283-4571-9ac0-6ce8ed88da1c 8c318b38-1b2f-4517-8e89-95e4de60465d d65db546-6ace-4bb8-8f4c-65393dbb4501 a84f6a9f-4c1e-4e94-8b4f-729693f59012 29955dc3-20a9-48ef-8084-7aa2a64c334e
<
>

«Per ora abbiamo accumulato circa 4 mila libri – continua Claudia Lancioni, che è anche consigliera comunale -. Vorremmo far gestire una libreria a ragazzi in carrozzina, ma al momento non possiamo permetterci l’affitto di un locale tanto grande».

Mancano circa 60 libri da catalogare che sabato prossimo saranno nuovamente distribuiti alla Conti o ad altre scuole che ne hanno bisogno.

«I bambini – commenta – sono stati molto felici, non mi aspettavo tanto entusiasmo, impaurita dalla perdita della cultura del libro che si osserva ultimamente».

La lettura rende empatici, trasmette nozioni, innalza il tono dell’umore e ristabilisce l’equilibrio psichico, senza effetti collaterali. La lettura favorisce l’elasticità mentale perché fa appropriare di esperienze altrui che vengono interiorizzate.

La lettura, infine, è legata anche al concetto di scrittura, ed è preoccupante l’aumento di diagnosi di dislessia, disgrafia, disortografia, discalculia.

«Non voglio dire che sia colpa totalmente di tablet, cellulari o hi-tech – conclude – ma sicuramente le nuove generazioni hanno poca dimestichezza con la lettura tradizionale».

Elisa Ortolani

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
  •   
  •  
  •  
  •   


Meteo Marche

Copyright © 2018 - Tutti i diritti riservati Associazione Culturale Massa Actii - via Roma, 18 - Cupramontana (An) Italy - P.IVA 02573660426 - tel. +39 0731 789023 - Registrazione c/o Tribunale di Ancona n° 1/13 del 14/01/2013 - Direttore Responsabile Oddino Giampaoletti.