Connect with us

Cronaca

JESI / INCIDENTE AL SEMAFORO NON SINCRONIZZATO, DONNA ALL’OSPEDALE (foto)

I residenti lamentano una situazione di pericolo all’impianto tra via San Giuseppe e viale del Lavoro, tratto ad alta densità di traffico 

JESI, 9 giugno 2019L’impianto semaforico all’intersezione tra via San Giuseppe e viale del Lavoro non va, non funziona bene. Da tempo.

Ed è stato teatro, questa mattina intorno alle 8, di un incidente stradale tra due auto. Bilancio: una donna di Jesi, 58 anni, al volante di una Renault Capture, che è dovuta ricorrere alle cure del pronto soccorso trasportata da un’ambulanza della Croce Verde. Fortunatamente condizioni non preoccupanti – codice verde – ma indossava il collarino.

20190609_101637 20190609_101501 20190609_101604 20190609_085502 20190609_084627 20190609_083814 20190609_091603 20190609_085622 20190609_085638
<
>
Il semaforo pericoloso

È la sincronizzazione che desta più di un dubbio. Inoltre, per chi viene da via San Giuseppe – cimitero, il rosso non scatta più da alcuni giorni. Tanto che si è reso necessario  posizionare due segnaletiche verticali con il dare precedenza.

I residenti – stamattina sul posto c’erano Andrea, Fabio, Vito – e chi si trova a frequentare spesso l’incrocio, hanno segnalato in Comune la situazione anomala e pericolosa in un tratto ad alta densità di traffico e dove tre giorni fa si era registrato un altro incidente, in tarda mattinata, ma senza feriti.

«Per chi proviene dalla direzione del cimitero – facevano notare – conviene attendere almeno 5 secondi dopo che è scattato il verde prima di avviarsi a passare: altrimenti si rischia di farsi travolgere da chi viene da viale del Lavoro».

L’altra auto coinvolta nel sinistro di stamattina è una Fiat Panda condotta da una giovane 25enne di Perugia che stava ritornando in Umbria dopo aver trascorso alcuni giorni col fidanzato jesino. Lei proveniva da via San Giuseppe, l’altra auto stava svoltando da viale del Lavoro verso la chiesa omonima.

Sul posto per dinamica e rilievi una pattuglia della Polizia Locale.

Pino Nardella

©RIPRODUZIONE RISERVATA

 

 

Condividi
  •   
  •   
  •  
  •  
Continua a leggere
Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.