Connect with us

Attualità

JESI / Passeggiate e uscite: regole e obbligo di mascherina

Il governatore Luca Ceriscioli annuncia anche il provvedimento che impone di indossare i dispositivi di protezione quando si va fuori casa

JESI, 7 aprile 2020 – Rendere obbligatori guanti e mascherine per le uscite. Il governatore Luca Ceriscioli intende emanare una apposita ordinanza che dovrebbe firmare a breve.

Come deciso da altre regioni in Italia, Lombardia e Toscana, anche le Marche potrebbero intraprendere lo stesso percorso allo scopo di continuare a contenere i contagi ed evitare ricadute. Una decisione più tecnica che politica visto che Ceriscioli ha richiesto al Gores, Gruppo Operativo Regionale Emergenza Sanitaria, una valutazione sull’importanza dell’uso delle mascherine.

A proposito di uscite, le notizie riguardo le passeggiate con i figli minorenni avevano generato confusione nei giorni scorsi dopo la circolare interpretativa del Viminale relativamente alle norme già in vigore sull’emergenza sanitaria legata al virus Covid-19.

Entro i 200 metri dall’abitazione è consentito fare attività motoria, da soli, portare fuori il cane, fare una camminata. Questo vale per tutti: adulti, bambini e anziani.

Le regole sugli spostamenti per contenere la diffusione del coronavirus non cambiano: si può uscire dalla propria abitazione esclusivamente nelle ipotesi già previste dai decreti del presidente del Consiglio dei ministri: per lavoro, per motivi di assoluta urgenza o di necessità e per motivi di salute.

La circolare del ministero dell’Interno del 31 marzo si è limitata a chiarire alcuni aspetti interpretativi sulla base di richieste pervenute al Viminale. In particolare, è stato specificato che la possibilità di uscire con i figli minori è consentita a un solo genitore per camminare, purché questo avvenga in prossimità della propria abitazione e in occasione di  spostamenti motivati da situazioni di necessità o di salute.

La circolare ha ribadito che non è consentito in ogni caso svolgere attività ludica e ricreativa all’aperto e che continua ad essere vietato l’accesso ai parchi, alle ville, alle aree gioco e ai giardini pubblici. La medesima circolare ha ricordato infine che in ogni caso tutti gli spostamenti sono soggetti a un divieto generale di assembramento e quindi all’obbligo di rispettare la distanza minima di sicurezza di un metro.

Le regole e i divieti sugli spostamenti delle persone fisiche, dunque, rimangono le stesse. Nessun decreto ha vietato uscite a bambini, anziani o disabili, ovviamente, con le solite limitazioni previste.

Il governatore Luca Ceriscioli

Sull’argomento è intervenuta anche la Regione Marche: il governatore della Regione Marche, Luca Ceriscioli, ha precisato che «non è ancora il momento di abbassare la guardia» invitando genitori e figli a restare a casa. Proprio per non abbassare la guardia, il governatore sta per approvare il provvedimento nel quale  sarà reso obbligatorio uscire con guanti e mascherina, come già avviene in altre regioni e città.

(e.d.)

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
  •   
  •  
  •  
  •   

Granpanda 03-04-20


Meteo Marche