Connect with us

Cronaca

JESI / Vecchio ospedale, sarà abbattuto anche l’ex obitorio

La struttura aveva richiamato l’interessamento della San Vincenzo de’ Paoli in cerca di una sede ma verrà demolita

JESI, 6 maggio 2021 – Sarà demolito anche l’ex obitorio (foto in primo piano) del vecchio ospedale del Viale della Vittoria. Muoiono, è il caso di dirlo, anche le speranze per la San Vincenzo de’ Paoli che aveva chiesto informazioni in merito alla struttura, essendo in cerca di una sede.

L’ex obitorio in Viale della Vittoria

«Lo scorso anno ci eravamo informati ma ci hanno detto sarà abbattuta – spiega Gabriele Cinti della associazione cattolica laica il cui scopo principale è quello diaiutare le persone più sfortunate -. Attualmente la San Vincenzo de’ Paoli ha sede ai Paolotti ma stiamo cercando disperatamente una sistemazione».

Andreoli immobiliare 01-07-20
L’ex laboratorio analisi in Corso Matteotti

Se tanti sono i ricordi che legano la città al vecchio ospedale, altrettanti sono quelli per l’obitorio. Tante le anime passate di lì dopo che fu eretta cavallo tra le due guerre mondiali. L’intervento di demolizione del vecchio ospedale ha interessato la struttura più grande, poi toccherà all’obitorio e al laboratorio analisi. Mentre l’edificio che ospitava il Sert, in via Vittorio Veneto, non sarà abbattuto.

Anche l’ex sindaco Vittorio Massaccesi si è interessato alla questione sul settimanale diocesano Voce della Vallesina, ricordando l’interessamento della San Vincenzo ma anche per il futuro dell’immobile storico che affaccia su Corso Matteotti.

«Torno a chiedermi se non valga la pena la sistemazione soltanto del piano terra, e magari del primo piano, per dare all’anagrafe la possibilità di non continuare a ricevere tanto pubblico in una specie di taverna risistemata alla meglio. Non comprendo perché dobbiamo continuare a servirci di quel buco, di corridoi così stretti, della poca areazione, quando potremmo avere una straordinaria possibilità con la palazzina del Corso. Il piano terra della palazzina (e magari anche il primo) avrebbe tutte le caratteristiche perché il cittadino ci arrivi con facilità, perché possa attendere in un ambiente arioso e dignitoso, perché l’anagrafe abbia ad abundantiam tante stanze quante sono le molte esigenze di un servizio così prezioso. Gli ottimi rapporti che il sindaco Bacci ha con i responsabili della Regione potrebbero facilitare tante cose, se ci fosse la volontà politica».

(e.d.)

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Leggi anche

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  


Meteo Marche