Connect with us

Breaking news

MALTEMPO / Coldiretti: «Chiederemo lo stato di calamità»

Danni ingenti su Santa Maria Nuova, Polverigi e Agugliano: quelli ad olivi e vigneti avranno ripercussioni anche nei prossimi anni

ANCONA, 31 agosto 2020 – Danni ingenti in alcune zone dell’Anconetano, dove la grandine di ieri si è abbattuta pesantemente, azzerando in alcuni casi le produzioni di oliveti e vigneti, ma anche di mais, sorgo e girasole.

Nel primo pomeriggio di ieri chicchi grandi come noci hanno letteralmente bombardato, accompagnate da un vero e proprio tornado, le campagne di Santa Maria Nuova, Polverigi, Agugliano, le frazioni più interne di Ancona come Montesicuro, Gallignano e Paterno, arrivando sino a Offagna.

Le fortissime raffiche di vento hanno divelto tetti, abbattuto serre, rotto vetrate e parabrezza di automobili. Persino un impianto fotovoltaico è stato sradicato dal tetto dove era installato.

Coldiretti Ancona sta effettuando una ricognizione dei danni ma fin da ora il bilancio è dei peggiori.

«Chiediamo alla Regione di fare in fretta per delimitare l’area dei danni e chiedere al Governo di riconoscere lo stato di calamità – commenta a caldo Alberto Frau, direttore di Coldiretti Marche -. Ormai, tra l’altro, è arrivato il momento di pensare alle assicurazioni per i danni meteo come parte integrante dell’agricoltura, poiché gli eventi atmosferici sono ormai all’ordine del giorno: dobbiamo cambiare mentalità. Danni che oltre a rappresentare una perdita del 100% nell’immediato, per quanto riguarda olivi e vigneti avranno ripercussioni anche nei prossimi anni».

Si contano danneggiamenti, in misura minore, anche in provincia di Fermo, dove il forte vento e la pioggia battente hanno portato danni su strutture e causato la caduta di alberi.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
  •   
  •  
  •  
  •  
  •   
Continua a leggere
Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

La Fenice - cremazione animali


Meteo Marche