Connect with us

Lettere & Opinioni

MOIE / Grusol: «È ora di ripartire con centri diurni e interventi domiciliari»

Intensificate le richieste per le visite dei familiari alle persone ricoverate

MOIE, 26 giugno 2020 – Negli ultimi giorni si sono intensificate le richieste da parte di familiari di persone ricoverate presso residenze sociali e sociosanitarie (oltre 12.000), che chiedono di poter riprendere le visite ai loro parenti, sospese dai primi di marzo, e le sollecitazioni sui tempi di riapertura dei centri diurni (che accolgono oltre 2.000 persone).

In alcuni territori regionali inoltre a fatica, ancora oggi, stanno ripartendo i servizi domiciliari (educativi e di assistenza).

Fabio Ragaini

Fabio Ragaini per il Gruppo Solidarietà di Moie

Una situazione, arrivati a fine giugno, non più accettabile. Per quanto riguarda le visite dei familiari, ad oltre 20 giorni dalla delibera regionale (n. 685 dell’8 giugno)la situazione permane sostanzialmente bloccata e in pochissime situazioni le strutture hanno disciplinato nuove modalità di visita.

La norma regionale non ha stabilito tali modalità, ma ha demandato all’Azienda sanitaria la definizione di protocolli per l’accesso. Ha inoltre disposto che la “direzione di ogni struttura può autorizzare la visita nei casi necessari”.

L’effetto di tale disposizioni, con responsabilitànonbendefinite, ha generato il sostanziale blocco delle visite. Una situazione che di giorno in giorno, con la riapertura di ogni tipo di attività, diventa sempre più ingiusta e intollerabile.

Riguardo alla riattivazione del Centri diurni, chiusi dal 10 marzo, a circa 40 giorni dalle disposizioni regionali  (Dgr 600 del 18 maggio) che ne disciplinavano le modalità, ad oggi, nella stragrande maggioranza dei casi, i servizi non sono stati riattivati.

Le famiglie, di settimana in settimana, a quasi quattro mesi dal blocco, attendono comunicazioni chiare da parte dei titolari dei servizi, per conoscere data e modalità di riavvio (quando e come).

In alcuni territori regionali, inoltre, anche gli interventi domiciliari stentano a riattivarsi in maniera compiuta. È pertanto urgente che la Regione intervenga sulle diverse questioni  indicate.

In particolare, rispetto alla riapertura delle strutture per consentire le visite ai familiari, si disciplinino, in situazione di sicurezza,  le regole di accesso, senza ulteriori dilazioni.

Il permanere di tale situazione induce a pensare che si sia in presenza di scelte motivate non dalla tutela della salute, quanto dalla dimenticanza e dalla sottovalutazione di persone, che evidentemente non risultano contare tanto.

Gruppo Solidarietà

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
  •   
  •  
  •  
  •   

La Fenice - cremazione animali


Meteo Marche

Copyright © 2018 - Tutti i diritti riservati Associazione Culturale Massa Actii - via Roma, 18 - Cupramontana (An) Italy - P.IVA 02573660426 - tel. +39 0731 789023 - Registrazione c/o Tribunale di Ancona n° 1/13 del 14/01/2013 - Direttore Responsabile Oddino Giampaoletti.