Connect with us

Altri sport

POGGIO CUPRO / SKATEBOARD, I TORNANTI HANNO FATTO SELEZIONE

La prova del Verdicchio Race si è dimostrata particolarmente entusiasmante 

 

POGGIO CUPRO (CUPRA MONTANA), 30 luglio 2018 – Si è concluso con l’agonismo di sempre sia il Campionato Mondiale di Skateboard ( IDF World Cup) e quello Italiano (Campionato Italiano FISR Downhill Skateboard- Luge) che si sono svolti lungo gli impegnativi tornanti di Poggio Cupro.

Dopo quattro giorni di agonismo puro, incidenti vari avvenuti ad elevate velocità (gli skateboard viaggiano ad oltre 75 Km/orari) è sceso il sipario anche su questo impegnativo appuntamento sportivo che ha visto la partecipazione di oltre 130 atleti provenienti da 20 nazioni. Un successo per l’organizzazione che è riuscita a mettere in piedi un evento di proporzione internazionale; una soddisfazione per la Federazione che lo rappresenta ed anche per la frazione di Poggio Cupro che ha ospitato l’iniziativa.

Dai diversi post su alcuni social si è potuto leggere come alcuni responsabili della manifestazione abbiamo apprezzato i luoghi di svolgimento delle gare, i cibi semplici e il Verdicchio; una bella pubblicità dell’immagine enoica di Cupra Montana e del suo territorio. Dopo agguerrite selezioni e gare mozzafiato alla fine dei quattro giorni, l’organizzazione ha proceduto alle premiazioni degli atleti delle diverse categorie presso il vecchio stadio comunale di Viale della Vittoria, dove la grande “carovana” dello skateboard mondiale ha trovato comoda sistemazione.

Per la cronaca sportiva diamo conto della classifica dei vincitori:  (Women’s finals)- 1. Emily Pross; 2. Cassandra Duchesne; 3. Lyde Begue; 4. Rakel Bruskoff; (Italian Championships) – 1. Stefano Barbizzi; 2. Alessio Donato; 3. Marcus Aldinucci; 4. Elia Martinelli;  (Junior finals)- 1. Cole Trotta; 2. Nichola Broms; 3. Grégoire Schwab; 4. Bohumil Šefrna;  (Finale maesters) -1. Nicolas Desmarais; 2. Gerrit Gaiger; 3. Damian Derek Blanguer Gelez; 4. Raul Perez Gallego;   (Luge finals)- 1. Kolby Parks; 2. Abdil Mahdzan; 3. Will Stephenson; 4. Andrej Ilič.

Questo impegnativo sport, nato in California (USA), era stato pensato per mantenere in allenamento gli atleti del Surf anche quando nell’Oceano non c’erano onde degne di essere cavalcate; lo Skateboard ha raggiunto in poco tempo una popolarità tale che nel 2020 sarà la nuova disciplina alla Olimpiadi di Tokio. Questo sport popolare che manifesta eccezionali potenzialità lungo i tornanti di Poggio Cupro, ha attecchito anche dalle nostre parti; infatti, non è remota la possibilità di vedere ragazzini di età diversa sfrecciare lungo le strade o su i marciapiedi a “bordo” di queste tavolette, sorprendendo chi era più abituato al monopattino in legno o alle biciclette.

(o. g.)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

foto di Vincenzo Mollaretti

Print Friendly, PDF & Email

Condividi
Continua a leggere
Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.