Connect with us

Lettere & Opinioni

RIFIUTI / Raccolta e smaltimento vanno affidati al servizio pubblico

L’Unione sindacale di base, Usb, preme per un gestore non privato ed enuncia in sei punti la sua proposta

ANCONA, 16 ottobre 2020 – Da troppi anni si discute di superare l’attuale frammentazione territoriale con la costituzione di una sola Azienda Pubblica per la raccolta e smaltimento dei rifiuti in tutta la provincia di Ancona.

Su questa ipotesi l’Ata, costituitasi su previsione dell’apposita legge regionale, attraverso l’elaborazione del Piano Provinciale dei Rifiuti, era arrivata, con il consenso della stessa assemblea, a procedere alla individuazione dell’Azienda Pubblica di smaltimento.

UsbUnione sindacale di base -, che ha sempre condiviso questa impostazione della soluzione del problema rifiuti, sarebbe fortemente contraria ad un eventuale cambio della scelta pubblica susseguente ad altre valutazioni che con le ultime elezioni regionali dovessero determinarsi con la nuova Giunta.

Noi come Usb riteniamo, infatti, che il servizio di raccolta, gestione e vendita dei rifiuti debba essere totalmente pubblico perché è nell’interesse dei cittadini, e dei lavoratori.

Sui molti vantaggi collegati all’utilizzo di un gestore pubblico basti qui ricordare che esso non consente l’inserimento delle mafie sempre molto attive nel settore dei rifiuti e che la gestione e la vendita dei rifiuti recuperati vanno a calmierare il mercato evitando così aumenti consistenti sulla tariffa che pagano i cittadini.

Per questi motivi Usb, approfittando dell’entrata in vigore del decreto 116/2020, chiede:

• che si proceda rapidamente alla costituzione di un’ Azienda Pubblica di dimensione provinciale

• che si possa garantire la tutela della salute e il rispetto delle norme di sicurezza verso i lavoratori

• la vendita del materiale recuperato direttamente da parte dei Comuni

• che si possa adottare un metodo di raccolta che non sia il famoso porta a porta. La tecnologia in questo settore ha determinato un cambiamento importante nella competitività delle tipologie alternative di raccolta differenziata

impianti di selezione rifiuti che tengano conto del fattore ambientale

adeguamento del Piano Provinciale dei Rifiuti al decreto legislativo 3 settembre 2020 n. 116 che ridisegna il concetto di rifiuto con interventi anche nei regolamenti comunali, come prevede il decreto stesso.

Usb Lavoro Privato
Marco Bini
Stefano Tenenti

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
  •   
  •  
  •  
  •   
Continua a leggere
Lascia un commento
0 0 vota
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

La Fenice - cremazione animali


Meteo Marche

Copyright © 2018 - Tutti i diritti riservati Associazione Culturale Massa Actii - via Roma, 18 - Cupramontana (An) Italy - P.IVA 02573660426 - tel. +39 0731 789023 - Registrazione c/o Tribunale di Ancona n° 1/13 del 14/01/2013 - Direttore Responsabile Oddino Giampaoletti.

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x