Connect with us

Castelbellino

CASTELBELLINO / LUCI VERDI ACCESE PER 6 MINUTI, LA MUTA PREGHIERA IN RICORDO DELLA TRAGEDIA

L’albero luminoso è stato poi spento, annullati i fuochi d’artificio

 

CASTELBELLINO, 8 dicembre 2018 – Sei minuti di luce verde. Solo questo colore, a testimonianza del lutto che ha colpito la comunità di Castelbellino a seguito dei fatti di Corinaldo (leggi l’articolo). Sei minuti, uno per ogni vittima della tragedia che si è consumata alla discoteca Lanterna Azzurra (leggi l’articolo).

Per gli organizzatori si è trattata di una scelta difficile far proseguire regolarmente la manifestazione commerciale Mercatini Natalizi prevista a Castelbellino Stazione per oggi e domani (9 dicembre); una scelta però fortemente marcata dal segno di partecipazione al lutto che ha colpito la comunità di Corinaldo e le famiglie delle vittime (guarda il video).

Questo slideshow richiede JavaScript.

Nelle ore più convulse di questa giornata grondante di dolore (guarda il video), gli organizzatori, seguendo l’esempio di altre realtà locali, avevano pubblicato una nota per  spiegare la decisione: «Il Comitato Castelbellino il Paese dell’Albero presieduto dal Presidente della Pro Loco Giuliano Tili, in accordo con l’Amministrazione Comunale e la Banda Musicale, ha deciso di annullare i fuochi d’artificio previsti per l’accensione e di realizzare una cerimonia di partecipazione alla tragedia con l’accensione dell’albero per sei minuti che saranno di raccoglimento dopo il conto alla rovescia dei bambini. Un minuto di luce verde in ricordo di ciascuna delle vittime, con l’albero che sarà immediatamente rispento in segno di partecipazione al lutto regionale previsto per domani. La manifestazione commerciale Mercatini Natalizi e tutte le animazioni natalizie per i bambini previste per la manifestazione proseguiranno regolarmente sia l’8 che il 9 dicembre».

Stasera l’accensione, una muta preghiera in ricordo della tragedia. Poi ovunque il silenzio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

foto di Sergio Franconi

 

Continua a leggere
Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.