Connect with us

Cronaca

JESI / Coltellate all’Arco, l’aggredito voleva difendere un amico

Diversi i colpi subiti che hanno provocato ferite al volto e alla schiena, lesioni anche sulla parte costale

JESI, 24 novembre 2020 – Migliorano le condizioni del giovane nigeriano, 24 anni, accoltellato lo scorso 14 novembre alla fermata degli autobus di fronte all’Arco Clementino. 

«Diversi i colpi inferti al viso e alla schiena, ma il ragazzo ha anche difficoltà sulla parte costale – spiega il legale Giancarlo Catani, che segue il caso con lo studio Catani e Ricci -. Dimesso dall’ospedale regionale di Torrette dove era stato ricoverato subito dopo l’aggressione, ora è a casa. Stiamo cercando di approfondire le condizioni di salute in base al certificato medico».

Andreoli immobiliare 01-07-20

Derubricato da tentato omicidio a lesioni gravissime il reato: «Il nostro assistito è intervenuto a difesa di un amico che era a sua volta stato aggredito dopo un diverbio».

«Ha dunque difeso un altro ragazzo: da tutti, infatti, viene descritto come un giovane disponibile e appunto sempre pronto a dare una mano e aiutare gli amici».

Uscito dal carcere di Montacuto, invece, il presunto assalitore: il giovane di origini brasiliane è ai domiciliari che sta scontando con il braccialetto elettronico.

(e.d.)

Leggi anche:

JESI / Coltellate all’Arco Clementino: domiciliari con braccialetto per il 19enne
JESI / Grave ragazzo ferito a sangue, caccia agli aggressori
JESI / Polizia individua il presunto autore delle coltellate

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
  •   
  •  
  •  
  •   

parafarmacia gocce di salute


Meteo Marche