Connect with us

Cronaca

JESI / GROSSO ALBERO SI SCHIANTA SOPRA FURGONE IN SOSTA (video e foto)

Dal giardino dell’ex nido Cepi, non aveva le radici, il Comune: «Disposta un’analisi capillare dell’apparato radicale di tutte le piante limitrofe»

JESI, 19 ottobre 2019 – Il rumore dello schianto ha svegliato un po’ tutti in via Svezia e dintorni, questa mattina verso le 6: era successo che un grosso pino marittimo era collassato abbattendosi sulla stessa via e su un furgone – all’interno non c’era nessuno – in sosta, schiacciando con il suo peso anche parte della recinzione in metallo dell’ex nido Cepi.

L’albero si trovava, infatti, nel giardino dove sorge l’edificio – nella parallela via Finlandia – , ora chiuso in attesa di essere demolito – progetto esecutivo approvato – per far posto al nuovo centro per l’Alzheimer (grazie alla donazione di Cassio Morosetti): solo che le cose, come sempre, vanno a rilento per problemi burocratici.

I residenti segnalano che in più di una circostanza avevano avvertito le strutture comunali della pericolosità della situazione, con quel giardino abbandonato a se stesso e tutti quegli alberi in precario equilibrio. Non solo, ma le radici degli stessi hanno provocato avvallamenti e fratture al manto stradale della via, rendendo a rischio anche la circolazione.

IMG-20191019-WA0008 IMG-20191019-WA0016 IMG-20191019-WA0010 IMG-20191019-WA0015 IMG-20191019-WA0014 IMG-20191019-WA0009 IMG-20191019-WA0013 IMG-20191019-WA0012 IMG-20191019-WA0003 20191019_083453 20191019_083231 20191019_082639 20191019_080644 20191019_080836 20191019_081639 20191019_081944 20191019_082041 20191019_082437 20191019_082625 20191019_083221 IMG-20191019-WA0006 IMG-20191019-WA0004 IMG-20191019-WA0011 20191019_130633 20191019_130627
<
>

Il furgone danneggiato  –Termoidraulica Grifoni Marco – appartiene a un residente che ha seguito in diretta tutto l’intervento dei Vigili del Fuoco per liberare il mezzo segando tronco e rami e accatastando tutti i residui a lato della strada. L’accesso alla via è stato transennato e chiuso.

Sul posto anche la Polizia Locale – per presidiare il posto – e tecnici del Comune il quale, nel frattempo, ha diramato una nota dove viene esplicitato che «il mancato sviluppo delle radici è stato all’origine del cedimento di schianto di un pino questa mattina nel giardino dell’ex Cepi al quartiere Largo Europa. Il giardino del Cepi presenta numerosi alberi di alto fusto oggetto di un sopralluogo alcuni mesi fa – al pari di quelli compiuti in tutte le aree verdi cittadine – dal quale, ad occhio nudo, non era emerso alcunché».

«Alla luce di quanto accaduto, l’Area Servizi Tecnici del Comune ha disposto un’analisi capillare dell’apparato radicale di tutte le piante limitrofe, con asportazione del terreno al fine di mettere a nudo e quindi valutare le radici mediante specifici strumentazioni. L’Amministrazione comunale, a tal proposito, ricorda che la demolizione dell’ex Cepi sarà eseguita nel mese di novembre e che, con il nuovo anno, nella stessa area prenderanno il via i lavori di realizzazione del nuovo centro per l’Alzheimer finanziato dal generoso contributo di Cassio Morosetti».
«Si coglie l’occasione per ricordare che, una volta completato il centro, sarà programmata l’asfaltatura delle strade della zona, da tempo in condizioni di forti criticità e i cui interventi di manutenzione straordinaria saranno finanziati attingendo al mutuo di 1,5 milioni di euro che verrà contratto nel prossimo anno».

Pino Nardella

©RIPRODUZIONE RISERVATA

 

Condividi
  •   
  •  
  •  
  •  
  •   
Continua a leggere
Advertisement
loading...
Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.


Meteo Marche

Copyright © 2018 - Tutti i diritti riservati Associazione Culturale Massa Actii - via Roma, 18 - Cupramontana (An) Italy - P.IVA 02573660426 - tel. +39 0731 789023 - Registrazione c/o Tribunale di Ancona n° 1/13 del 14/01/2013 - Direttore Responsabile Oddino Giampaoletti.