Connect with us

Attualità

JESI / IL LICEO “MANNUCCI” PER I 30 ANNI DALLA CADUTA DEL MURO DI BERLINO

Arte come strumento di denuncia, protesta e rivendicazione di libertà per abbattere ogni barriera ideologica

JESI, 8 novembre 2019 – Trent’anni fa, il 9 novembre 1989, la caduta del Muro di Berlino. Oggi, nel suo piccolo, un’interessante iniziativa del Liceo Artistico “E. Mannucci” lo ricorda con serietà e impegno ideologico.

Non una performance estemporanea quella avvenuta stamattina nel cortile della scuola, ma un progetto interdisciplinare curato dai docenti di storia, filosofia e discipline artistiche.

«Abbiamo impostato la questione intorno al tema della cura – spiega il professore di filosofia Andrea Minetti -, intesa come cura di sé, degli altri e del mondo. Con i ragazzi del quinto siamo partiti da una riflessione teorica sui concetti di libertà e oppressione, di muro come ostacolo fisico alla realizzazione del soggetto».

Insieme a lui anche l’insegnante di Storia dell’arte Daniela Pennacchioni e Giuliana Pallotto, insegnante di discipline pittoriche.

«Cura è anche impegno etico ad abbattere qualsiasi tipo di barriera ideologica e culturale.- prosegue Minetti – Dal lavoro svolto è emersa prepotente l’esigenza artistica di liberarsi dalle costrizioni e dalle oppressioni. L’arte diventa espressione efficace di protesta e rivendicazione di libertà personale. Il contributo dei docenti di discipline artistiche è stato quello di concepire questo muro simbolico invisibile (foto in primo piano) che testimonia quello fisico caduto di cui resta solo il ricordo da conservare».

41c5baef-401c-48fc-a7be-bf7c36915215 af24fe56-5b67-4fef-9e61-fbc5a89df707 b8a77f16-e3f5-434e-99d5-3cf13b248952 8063409d-85f3-4b5b-a9c8-4597ad538c3d 27fa365a-e722-44aa-a2a2-03c4c5e406e5 60b31a56-c705-41d4-81db-661ca72e0110 94c77de2-29bc-435c-8107-4f28c501c892 251fc1e0-59f0-4cdf-b59e-3f7b54732ed8 877c591d-5c0f-461b-b0d6-a389c1f68dfd 07727b24-9adf-4f89-a2f1-3eeeda1e3fad 90245af3-27fb-463f-8ce1-4ceaed528a0d 40b3b629-1c81-475a-b1af-9700c96e17df bd942fca-6948-4a8c-9145-fa3663df59da cd698919-7f14-4413-af2e-5db4b9005255 d4e5780d-74fe-42a9-af03-5cb91bf384fc df4b787c-05e4-4914-87f6-53b078557c04 06bfe419-800a-4f54-ad5e-14069d7e8aa8 9e12aa9f-080a-4ed2-93ce-2d715c14b46a
<
>

«L’operazione di oggi – commenta Pallotto – parte dal concetto di muro come barriera e divisione di famiglie, di popoli, di entità, ma va a togliere ciò che vi era di “brutto”, ovvero la fisicità del muro stesso. Ne rimane l’arte, che fino a trent’anni fa era l’unica cura a quel cancro che dilagava».

Da un lato, spiega la docente, un dettaglio da un’opera realmente presente sul Muro. Dall’altro, corredati da frasi di filosofi anche contemporanei, un particolare del “Guernica” di Picasso e un disegno di Keith Haring, due personaggi che hanno usato il proprio talento artistico come strumento di denuncia.

Un progetto anche sul valore della memoria, dunque, perché resti intatta la libertà da proteggere sempre.

Elisa Ortolani

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
  •   
  •  
  •  
  •  
  •   
Continua a leggere
Advertisement
loading...
Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.


Meteo Marche

Copyright © 2018 - Tutti i diritti riservati Associazione Culturale Massa Actii - via Roma, 18 - Cupramontana (An) Italy - P.IVA 02573660426 - tel. +39 0731 789023 - Registrazione c/o Tribunale di Ancona n° 1/13 del 14/01/2013 - Direttore Responsabile Oddino Giampaoletti.