Connect with us

Attualità

JESI / Spostamento fontana, il “sì” del Consiglio al lascito Morosetti

Passa l’atto di indirizzo, l’Amministrazione comunale, al netto dei costi della traslazione, ha previsto diversi interventi in centro storico 

JESI, 1 dicembre 2020 – Dopo la bocciatura della proposta referendaria, il Consiglio comunale si è trovato a confrontarsi sull’atto di indirizzo della Giunta in merito al lascito di Cassio Morosetti di 2 milioni di euro.

L’atto di indirizzo è passato alla votazione di ieri sera dell’assise cittadina, rendendo di fatto effettiva la volontà testamentaria: l’Amministrazione comunale, pronta alla traslazione – costo complessivo sui 750 mila euro – ha previsto diversi interventi da realizzarsi con “il resto” – 1 milione e 250 mila euro circa – del lascito, al netto dello spostamento della fontana da Piazza Federico II a quella della Repubblica.

Sono stati 13 i voti favorevoli provenienti dalla maggioranza, mentre Jesi in Comune, Pd e Claudia Lancioni del M5S hanno votato in maniera contraria. Due le consigliere astenutesi, Chiara Cercaci del gruppo Jesiamo e Gianna Pierantonelli di PattoxJesi.

La discussione prima del voto è stata lunga e animata e più volte si sono accesi i toni dei consiglieri. La consigliera dem Emanuela Marguccio ha chiesto un rinvio della pratica, bocciato dall’assise cittadina.

Come già annunciato dal sindaco Massimo Bacci, dagli assessori Roberto Renzi e Luca Butini, è prevista, di conseguenza allo spostamento, la riqualificazione di parte del centro storico, l’abbattimento delle barriere architettoniche ma anche cinema al Teatro Moriconi e il recupero di una Madonna lauretana del ‘600 che era collocata sopra l’Arco del Magistrato.

L’atto di indirizzo contiene anche il parere dei due esperti chiamati dal Comune, Fabio Mariano e Luca Molinari, e le proposte di restyling di Piazza Federico II.

Ma non è certo finita: si annuncia la raccolta firme per non rinunciare – dopo la bocciatura di proposta in sede di assise comunale – alla carta referendum per dare voce in capitolo a chi è contrario alla traslazione.

Al netto di tutto, comunque, per mettere le mani sui 2 milioni di euro del lascito sarà necessario che entro la giornata del 22 luglio 2021 la fontana sia stata collocata in Piazza della Repubblica e che da leoni e tritoni zampilli l’acqua.

Leggi anche: JESI / Bocciato il referendum, Bacci: «Non c’è tempo»

JESI / Lascito Morosetti: cinema, Peba, cisterna e una statua del ‘600 con il “resto”

JESI / Ipotesi scacchiera in Piazza Federico II al posto della fontana

(e.o.-e.d.)

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  


Meteo Marche