Connect with us

Cronaca

MONTE ROBERTO / SETTE CINGHIALI IN GIRO ATTORNO CASA, MANGIATI I FIORI NEI VASI (foto)

Sia nel giorno di Pasqua che ieri: in cerca di cibo anche nel vicino vigneto

MONTE ROBERTO, 23 aprile 2019 – Dopo i tre lupacchiotti incontrati da un giovane automobilista sulla strada della Romita, a Cupra Montana, il 12 aprile scorso (leggi l’articolo) adesso è la volta dei cinghiali.

Incontri sempre più frequenti non solo in campagna o lungo le strade. Basti pensare a Jesi, dove si sono aggirati per diversi giorni, erano due giovani esemplari, nella zona del parco del Ventaglio e di via XX Luglio nel dicembre scorso (leggi l’articolo).

Stavolta è successo a Monte Roberto dove nel giorno di Pasqua sette cinghiali, sei piccoli e una scrofa, hanno fatto la loro apparizione vicino una casa e nel terreno circostante.

Screenshot_20190422-230950_Gallery Screenshot_20190422-230932_Gallery Screenshot_20190422-230558_Gallery Screenshot_20190422-230618_Gallery Screenshot_20190422-230643_Gallery Screenshot_20190422-230828_Gallery Screenshot_20190422-230406_Gallery IMG-20190422-WA0022 cinghiali cinghiali2 Screenshot_20190422-234848_Gallery Screenshot_20190422-235041_Gallery
<
>

«A Pasqua – racconta Melania Cannuccia – mia nonna è venuta a Pianello Vallesina. Una giornata di festa anche perché era il mio compleanno. Poi, quando i miei genitori l’hanno riaccompagnata hanno visto intorno al cortile di casa un’allegra famigliola di cinghiali composta da sette cuccioli e la madre».

I quali non si sono affatto scomposti all’arrivo dell’auto, anzi «hanno continuato a mangiare i fiori coltivati nei vasi. Poi, quando mio padre è sceso – mia madre e mia nonna sono rimaste in macchina – si sono lentamente allontanati verso il laghetto e sono andati nel vigneto. Ma l’uva ancora non c’è…».

Ieri mattina l’uomo è ritornato per controllare e «mentre era nel campo – continua Melania – improvvisamente gli si sono avvicinati. Erano gli stessi del giorno prima. Bisogna che una soluzione si trovi perché vanno in cerca di cibo e potrebbero essere pericolosi oltre ai danni che procurano. Per ora riferiti soltanto ai fiori…».

(p.n.)

©RIPRODUZIONE RISERVATA

 

Condividi
  •   
  •   
  •  
  •  
Continua a leggere
Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.