Curiosità

JESI/ BAGNI PUBBLICI: POCHI, SPORCHI, NON SEGNALATI

JESI, 27 giugno 2017 –  Jesi sta cercando soluzioni importanti per attrarre turisti.

via Nazario Sauro

L’amministrazione Bacci, che si sta insediando, con ogni probabilità confermerà la figura del consigliere comunale con delega al turismo o al limite la delega sarà data in carica ad uno degli assessori nominati.

Le bellezze attrattive di Jesi, e non ultimo, la inaugurazione di sabato prossimo del museo intermediale ‘Stupor Mundi’ contribuirà ulteriormente affinché i turisti valutino sempre di più l’offerta che Jesi propone.

viale della Vittoria, discesa via Chiappetti

In  tutto questo contesto l’accoglienza ed il decoro urbano diventano fondamentali. Al contrario il degrado potrebbe dare l’idea che il rischio dell’abbandono e dell’inerzia è forte. Allora è necessario fare di tutto per superare le situazioni difficile.

Una di queste sono le condizioni dei bagni pubblici in giro per la città dove lo stato delle cose e la manutenzione non sembrano proprio delle migliori. Chi deve intervenire? Ci sono arrivate proteste e segnalazioni sulla indecenza dei servizi igienici, per giunta pochissimi, in giro per le vie cittadine.

Le immagini (foto) testimoniano l’effettivo stato di salute di questi. Servizi anche poco segnalati alla vista dei turisti che ne potrebbero usufruire; servizi poco frequentati o addirittura ignorati dagli jesini stessi perché davvero con l’igiene ha poco a che fare.

Ce ne sono pochi ed alcuni addirittura rivoltanti.

Il Comune deve assolutamente intervenire anche per troncare quello che oramai è diventato di dominio pubblico e cioè rivolgersi, per le esigenze se si sta  nel centro cittadino, alle strutture private come il bagno all’interno del Santuario della Chiesa delle Grazie o ai bagni privati degli studi medici lungo Corso Matteotti.

I turisti queste locazioni non le conoscono e neanche è cosa buona e giusta continuare con questo trend.

viale della Vittoria, sotto il Cavalcavia

Insomma a Jesi quelli che nel gergo comune chiamiamo latrina, vespasiano, cesso, gabinetto, orinatoio, pisciatoio, toilette,wc, – tutti sinonimi di bagni pubblici – hanno bisogno e necessità di essere ristrutturati e ammodernizzati. Servono anche cartelli con precise indicazioni, magari tradotti in più lingue, per informare gli jesini stessi, in casi di emergenza o in presenza di particolari patologie e fisiologie, dove poterle soddisfare. Pochissimi tra questi, per non dire quasi nessuno, sono al corrente di dove si trovino i bagni pubblici disponibili e forse sono pure scettici sulla possibilità di adoperarli, temendo che siano di fatto tanto sporchi da essere impraticabili.

Proviamo a descrivere, dopo una ricognizione incompleta e con gli occhi del cittadino comune, la situazione attuale dei bagni pubblici della nostra città. Ne abbiamo individuati quattro attivi: via Nazario Sauro, viale della Vittoria sotto il Cavalcavia, viale della Vittoria a ridosso della salita di via Chiappetti, giardini pubblici lato monumento. All’interno, almeno in larga parte, sporcizia, cattivi odori, usura degli accessori esistenti.

Una pessima carta di presentazione per la città. Si tratta quasi sempre di luoghi praticabili solo con maschere o solo dopo aver respirato a fondo e trattenuto il respiro per tutto il periodo dell’esigenza fisiologica: ovviamente per chi ne è in grado. Cosa chiediamo? Garanzia di una adeguata pulizia e disinfettazione periodica se non addirittura gioernaliera, manutenzione, interventi strutturali magari a carico, come avviene già per le rotatorie ed aiuole pubbliche, del privato.

evasio.santoni@qdmnotizie.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

JESI / MISS ITALIA 2017, LE SELEZIONI AI GIARDINI PUBBLICI: A CHI LA FASCIA DI MISS JESI?

JESI, 27 giugno 2017 – Partiranno da Jesi le selezioni provinciali e regionali di Miss Italia 2017, lo storico e in assoluto più importante concorso di bellezza della nostra nazione. Questa sera (27 giugno) sarà la suggestiva location dei Giardini Pubblici di Viale Cavallotti ad ospitare l’intera troupe con la serata che avrà inizio alle ore 21,15. L’evento, organizzato dalla Pro Loco di Jesi in collaborazione con Lo Sbarello, l’Agenzia Pai esclusivista del concorso e l’agenzia Relife, vedrà la partecipazione di 20 concorrenti che, votate da una giuria selezionata, si contenderanno le fasce in palio fino ad aggiudicarsi il primo posto che vale la fascia di Miss Jesi 2017. A condurre la serata sarà l’affidabilissimo Marco Zingaretti, presentatore ufficiale del concorso per le Marche. Oltre alla bellezza delle miss marchigiane la serata sarà ricca di momenti di spettacolo e non mancheranno flash moda. Le selezioni proseguiranno venerdì 30 giugno a Chiaravalle all’interno dalla Notte Bianca presso il Centro Commerciale La Manifattura con una serata ricca di moda, spettacolo ed intrattenimento con la partecipazione della cabarettista Adalgisa Palpacelli. Atteso ospite e presidente di giuria sarà Cristian Gallella, direttamente da Uomini e Donne e dall’Isola dei Famosi. Il 5 luglio il cast di Miss Italia farà tappa a Monte San Vito.

(gianluca.fenucci@qdmnotizie.it)

JESI / IL DISORDINE REGNA SOVRANO: SEGNALETICA STRADALE ERRATA E INUTILE

sede commissariato Jesi

JESI, 24 giugno 2017 – Era il 9 settembre dello scorso anno quando, dopo anni di attesa e non pochi rinvii, la nuova sede del Commissariato di Polizia e quella della Polizia Stradale furono inaugurate. Quel secondo venerdì di settembre nella vasta area di via Marco Polo, tra la stazione ferroviaria ed un centro commerciale, si sono ritrovate decine e decine di autorità, dal Capo della Polizia, il Prefetto Franco Gabrielli, al Questore di Ancona, Oreste Capocasa, dal Prefetto di Ancona, Antonio Dacunto, all’onorevole tutta jesina Valentina Vezzali e al Vescovo di Jesi, Gerardo Rocconi.

C’erano poi Generali ed alti ufficiali delle altre forze di polizia (Carabinieri, Guardia di Finanza, Forestale, Vigili del Fuoco, ecc.).

stazione carabinieri Jesi

Quella manifestazione inaugura fu una giornata di festa sia per gli agenti della Polizia – di Stato o della Stradale – così come per la popolazione che dopo anni di attesa vedeva finalmente concretizzarsi una struttura per anni abbandonata.

Da quel 9 settembre del 2016 gli agenti delle Fiamme Oro iniziarono ad operare nella stessa struttura.

Vi domanderete: dove porta questo discorso? Perché si ritorna a parlare di quella struttura? Semplice, noi jesini sappiamo dove andare se abbiamo bisogno deI poliziotti, ma chi viene da fuori città non solo no lo sa, ma addirittura viene informato male sull’ubicazione dei due comandi e non solo. Basta dare uno sguardo alle tabelle segnaletiche poste all’ingresso della città. Nonostante i tanti mesi trascorsi da quella inaugurazione le tabelle indicano che il Commissariato di Polizia si trova in via Montello, che il distaccamento della Polizia Stradale è in viale Papa Giovanni XXIII e, tanto per non dare adito a preferenze, il numero telefonico attribuito ai Carabinieri è ben diverso da quello effettivo, rispondente allo 0731.229000.

Ci chiediamo: a chi spetta rimettere le cose a posto e provvedere alle necessarie correzioni? Aspettiamo una risposta.

(sedulio.brazzini@qdmnotizie.it)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

CHIARAVALLE / VANNO IN PENSIONE LA ‘MENTE’ E IL ‘BRACCIO’ DEL PODESTI

CHIARAVALLE, 21 giugno 2017 –  Vanno in pensione la “mente” e il “braccio” del Podesti. Nell’unico istituto superiore chiaravallese l’atmosfera di festa tipica dell’ultimo

Betti, Copparoni con la segretaria Silvana e Alessandra

giorno di scuola è stata mitigata da un velo di malinconia perché due colonne portanti del Podesti nel prossimo anno scolastico non saranno più in cattedra e tra i corridoi. L’indimenticabile professor Alberto Copparoni, direttore della sede di Chiaravalle dell’istituto Podesti Calzecchi Onesti, e il mitico bidello Mauro Betti sono giunti all’unisono alla meritatissima pensione.

Il prof. Copparoni insegna nella scuola superiore chiaravallese dal 2000 ed è stato docente molto apprezzato di fotografia e di grafica. Molto conosciuto e stimato per la sua attività pittorica ed artistica, Alberto Copparoni che vive a Castelferretti, è stimato da tutti i colleghi per le sue qualità umane, per la disponibilità, la tolleranza, la pazienza. Mauro Betti, chiaravallese doc, ha trascorso al Podesti oltre venticinque anni: amato dagli studenti di cui era spesso simpatico “complice”, ha lavorato nella scuola superiore chiaravallese fin dagli anni in cui la sede era in corso Matteotti, in pieno centro storico.

 

Il bidello storico del Podesti lascia tanti ricordi ed aneddoti tra i corridoi. Al momento dei saluti al prof. Copparoni e a Betti in molti tra docenti e personale dell’istituto non sono riusciti a trattenere le lacrime di emozione ed anche i due “veterani” del Podesti si sono commossi ed hanno ricevuto applausi e attestati di stima da tutti.

(gianluca.fenucci@qdmnotizie.it)

JESI / SUMMER GAMES: AL VIA LA SESTA EDIZIONE NEGLI IMPIANTI DEL LICEO SCIENTIFICO

JESI, 20 giugno 2017 – Inizia questa sera – martedì 20 giugno – per concludersi il 1° luglio prossimo la sesta edizione di “Jesi Summer Games”, una manifestazione ludico-sportiva e di intrattenimento ospitata negli impianti sportivi all’aperto del Liceo Scientifico “Leonardo da Vinci”. Tante le società sportive dilettantistiche coinvolte che proporranno le loro specialità ginniche più o meno note; si va dal pattinaggio alla scherma, dal calcio a 5 alla ginnastica artistica, dal tennis alle arti marziali.

Il tutto, come si conviene ad una manifestazione estiva all’aperto, con tanto di stand gastronomici.

Nel calendario della manifestazione figurano inoltre tre momenti particolarmente interessanti sia per l’evento sportivo, così come per le finalità che il Dream Day si è prefissato. Questa associazione, che ha già fatto parlare di se per tante altre iniziative a favore dei bambini e della società, sostiene tre momenti del Summer Games: quelli delle serate del 23, 24 e 25 giugno prossimi. Nella prima di queste tre serate si potrà assistere alla esibizione di Taekwondo “Polisportiva Libertas Jesi”, sabato 24 alla semifinale di Coppa Italia categoria A1 di Fioretto maschile e femminile ed un evento benefico nella serata di domenica. In questi tre momenti il pubblico sarà chiamato a porre l’attenzione su un dramma che sta ancora colpendo molte popolazioni delle nostre Marche e delle regioni confinanti. Ci riferiamo ai tanti giovani, anziani e bambini che ancora stanno subendo le conseguenze del tragico sisma in favore dei quali saranno destinati parte dei fondi che saranno raccolti nell’occasione (il rimanente sarà destinato all’acquisto di giochi da collocare nei parchi cittadini). Le tre serate di eventi benefici avranno inizio alle ore 18 e saranno presentati dalla stessa presidentessa del Dream Day, Selena Abatelli che questa mattina, assieme all’assessore Ugo Coltorti e a Mauro Serini ha presentato l’iniziativa.

Per completezza di informazione ricordiamo che in tutte le serate saranno operativi stand gastronomici e che per i bambini saranno sempre funzionanti giochi gonfiabili.

Non solo, nel corso delle serate faranno la loro grande parte personaggi dello spettacolo come Bruno Arena, Ivan Cottini, Antonio Lo Cascio, Andrea Gherardi , oltre a clown, truccatori, scuole di ballo e chi più ne ha più ne metta.

(sedulio.brazzini@qdmnotizie.it)

 

JESI / AL VIA LA MATURITA’: L’IMPORTANZA DELL’ALIMENTAZIONE

JESI, 20 giugno 2017 – Sono in molti quelli che sanno che mercoledì prossimo, 21 giugno, alle ore 4,24 entra ufficialmente l’estate astronomica; molti di meno, se non direttamente coinvolti, sono a conoscenza del fatto che per molte migliaia di giovani studenti cominciano gli esami di stato, l’ultimo atto di un cammino scolastico .

Per tutti i diplomati gli esami di maturità sono stati uno dei momenti di maggior tensione, vuoi per l’importanza che essi assumono nel cammino di una persona così come per il fatto che molto spesso si ha a che fare con commissari esterni che non conoscono il percorso scolastico degli esaminandi.

Tutto questo crea nello studente anche momenti di ansia, eccitazione, insonnia che potrebbero avere effetti indesiderati; tra i fattori che maggiormente incidono nell’affrontare con ansietà l’ultimo scoglio della scuola superiore c’è n’è uno non certo secondario: è l’alimentazione.

Secondo uno studio di Coldiretti, “un aiuto per vincere la preoccupazione viene dagli alimenti ricchi di sostanze rilassanti come: pane, pasta o riso, lattuga, radicchio, cipolla, formaggi freschi, yogurt, uova bollite, latte caldo, frutta dolce e infusi al miele che favoriscono il sonno e aiutano l’organismo a rilassarsi per affrontare con la necessaria energia e concentrazione la sfida scolastica”.

Oltre a cibi e bevande consigliate Coldiretti elenca anche elementi della nostra vita alimentare da mettere da parte in questo periodo di esame come i cibi pesanti, conditi magari con sostanze eccitanti. “Tra i condimenti out – dice Coldiretti – sono da evitare cibi con sodio in eccesso per cui vanno banditi curry, pepe, paprika e sale in abbondanza, ma anche piatti nei quali sia stato utilizzato  dado da cucina. Esistono invece cibi che aiutano a rilassarsi per la presenza di aminoacido, il triptofano, che favorisce la sintesi della serotonina, il neuro mediatore  del benessere e il neurotrasmettitore cerebrale che stimola il rilassamento”.

Questo porta alla conclusione che occorre aumentare “il consumo di alimenti con zuccheri semplici come quelli della frutta dolce di stagione, ma effetti positivi nella dieta serale si hanno con legumi, uova bollite, carne, pesce, formaggi freschi”.

Un ruolo importante in questa particolare dieta lo svolge la verdura e tra questa “al primo posto la lattuga, seguita da cipolla e aglio, perché le loro spiccate proprietà sedative conciliano il sonno. Bene anche un bicchiere di latte caldo, giusto prima di andare a dormire, che oltre a diminuire l’acidità gastrica che può interrompere il sonno, fa entrare in circolo durante la digestione elementi che favoriscono una buona dormita per via di sostanze, presenti anche in formaggi freschi e yogurt, che sono in grado di attenuare insonnia e nervosismo. Infine – conclude Coldiretti nella nota – un buon dolcetto di incoraggiamento ricco di carboidrati semplici ha una positiva azione antistress, così come infusi e tisane dolcificati con miele che creano un’atmosfera di relax e di piacere che distende la mente e la rende più pronta a rispondere alle sollecitazioni degli esaminatori”.

Questi sono i consigli di Coldiretti sull’alimentazione da seguire in queste lunghe e stressanti giornate degli esami di stato che, necessariamente dovrebbero avere alle spalle un anno scolastico proficuo dal punto di vista dello studio.

Di seguito due tabelle riepilogative dei cibi da evitare e di quelli “promossi” consigliate da Coldiretti

 

Cibi Bocciati                                     Cibi promossi

Patatine in sacchetto                          Pasta, Riso, pane, Orzo

Piatti con dado da cucina                  Lattuga, radicchio, Cipolla, Aglio

Cioccolato, Cacao                               Rape, Cavolo

Caffè, The                                            Formaggi freschi, Yogurt

Curry, Pepe, Paprika                        Uova bollite

Superalcolici                                      Miele in infusi caldi, Latte caldo

Salatini                                               Frutta dolce,  Dolce

 

(sedulio.brazzini@qdmnotizie.it)

JESI / AL CIRCOLO CITTADINO TRE GIOVEDI’ DI SERATE DI GRANDE MUSICAL PER RAGAZZI

JESI, 19 giugno 20127 – Il grande musical per ragazzi animerà l’estate jesina al parco del Circolo Cittadino in via XX Settembre.

Tre spettacoli coinvolgenti, liberamente tratti dal mondo Disney, prenderanno vita con musica, attori e cantanti, nella rassegna organizzata dalla Federazione Italiana teatro Amatoriale, FITA, dal titolo “Sulle Ali dei Sogni”.

Gli spettacoli si terranno alle ore 21:15, con biglietti a prezzo ridotto per i ragazzi.

Si inizia giovedì 22 giugno con Simba, soggetto liberamente tratto dal “Re Leone”, che la compagnia Center Stage di Pesaro metterà in scena con brani cantati da vivo e un corpo di ballo al completo, per un totale di venticinque elementi tra attori e ballerini.

Giovedì 29 giugno sarà invece la volta di Cartoon’s Celebration, della compagnia “Ritmosfera On Stage” di Porto Potenza Picena, già balzata agli onori delle cronache per la sua attività anche a livello internazionale. Lo spettacolo sarà una rivisitazione in chiave musical delle migliori canzoni dei cartoni animati Disney.

 

Giovedì 6 luglio la compagnia “In Punta di Piedi” di Tolentino porterà in scena la versione musical di “La Bestia insieme a Belle”, soggetto originale liberamente tratto dal celebre cartone Disney “La Bella e la Bestia”.

La rassegna è stata organizzata dalla FITA Marche, che dal 2002 raggruppa circa settanta compagnie amatoriali in tutta la regione, coinvolgendo annualmente oltre 700 tra attori e tecnici teatrali.

JESI / TANTI VISITATORI PER LA STORIA ED I SEGRETI DEL TEATRO PERGOLESI

JESI, 18 giugno 2017 – Ancora numerosa la partecipazione, condita a tanta curiosità, per vivere la storia e scoprire i segreti del teatro Pergolesi di Jesi per quello che è stato un pomeriggio di visite guidate per famiglie con la presenza di oltre 40 persone, numero massimo di partecipanti.

“Chi è di scena: storie e segreti del Teatro Pergolesi” è stato il secondo appuntamento dopo quello del 23 maggio quando la visita era stata programmata per le classi delle scuole elementari.

Il percorso ha toccato sei tappe dei luoghi più significativi all’interno del teatro:  foyer, sala, ridotto, sartoria, camerini e palcoscenico il tutto condito da interventi recitativi che hanno trasmesso ai partecipanti, adulti e ragazzi, interesse.

Alla fine tutti hanno manifestato soddisfazione e prodotto applausi alle brave Giulia Quadrelli nei panni di Serpina, il personaggio protagonista de La Serva padrona di Pergolesi e Sara Agostinelli.

Un modo del tutto nuovo per conoscere il celebre compositore jesino da cui il teatro prende nome, le caratteristiche del teatro all’italiana, e i segreti dietro le quinte….

(evasio.santoni@qdmnotizie.it)

 

CHIARAVALLE / CARABINIERI VESPISTI NELLA CITTA’ DELLA MONTESSORI

CHIARAVALLE, 17 giugno 2017 –  Le Capanne, storico quartiere di Chiaravalle, colorate delle maglie verdi delle Gazzelle in Vespa e dal rombo inconfondibile della celebre motocicletta che ha fatto la storia del Paese. Ieri mattina in via Cavour e in corso Matteotti una cinquantina di vespisti provenienti da ogni parte d’Italia hanno destato l’attenzione dei chiaravallesi per la tappa effettuata nella città della Montessori. “Facciamo parte delle Gazzelle in Vespa – hanno detto gli organizzatori della kermesse – un sodalizio formato da carabinieri in pensione o ancora in servizio appassionati della Vespa. Veniamo da tante regioni, Trieste, Trento, Bolzano, Roma, Foggia, Reggio Calabria e ci troviamo una volta l’anno nel mese di giugno per una simpatica rimpatriata. Venerdì ci siamo ritrovati a Marotta e ieri abbiamo completato il giro che prevedeva tappe a Chiaravalle, Ostra e Senigallia. In molti rimarranno anche oggi in zona per godersi le meraviglie della provincia di Ancona”. Atteso per oggi anche l’arrivo del celebre ing. Cau, uno dei progettisti del motori montati sulla Vespa, un’autentica celebrità tra i vespisti che ieri si sono fermati alle Capanne anche per gustare le prelibatezze della Gastronomia Capanne.

(gianluca.fenucci@qdmnotizie.it)

JESI / UROLOGIA ‘CARLO URBANI’, ECCELLENZA EUROPEA

JESI, 16 giugno 2017 – Dalla Lettonia a Jesi per approfondire le più innovative tecniche di laparoscopia negli interventi sui tumori alla prostata e al rene. Protagonisti due medici lettoni, provenienti dalla P. Stradinia University Hospital di Latvia, che sono ospiti in questi giorni dell’Unità Operativa Complessa di Urologia del Carlo Urbani, ormai diventata un punto di riferimento europeo per questa tecnica chirurgica mini-invasiva.

I due medici hanno, infatti, scelto l’équipe diretta dal prof. Vincenzo Ferrara come tutor internazionale per un aggiornamento professionale di alta specializzazione. All’interno di una sala operatoria all’avanguardia, dotata di tecnologia 3D, i due professionisti dell’est europeo hanno potuto approfondire le più evolute modalità che permettono di intervenire sul paziente affetto da tumore alla prostata o al rene senza bisogno di ricorrere alla chirurgia open, ma avvalendosi della laparoscopia.

“Sono davvero orgoglioso di avere un’équipe che lavora bene – ha sottolineato il prof. Vincenzo Ferrara – e che è riconosciuta in tutta Europa per l’alto livello di specializzazione raggiunto. Adottiamo queste tecniche dal 1994, tra i primi in Italia, grazie anche a strumentazioni all’avanguardia. Ricevere richieste di ospitalità da parte di colleghi di altri Paesi, oggi sono Lettoni ma, recentemente, anche medici della Germania e della Repubblica Ceca, non può che dare grande soddisfazione a me ed a chi lavora al mio fianco: i dottori Behoruz Azizi, Maurizio Diambrini, Willy Giannubilo, Giuseppe Sortino, Raimondo Giardina e tutti i nostri preziosi infermieri, a cui va la mia personale riconoscenza”.

Un’eccellenza della sanità dell’Area Vasta 2, che dà prestigio al Carlo Urbani ed a quanti vi operano quotidianamente con professionalità e senso di appartenenza.