Connect with us
TESTATA -

Redazionali

Frutta e verdura, l’estetica alimenta lo spreco alimentare

Il “bello” non incide sul sapore e la qualità del prodotto e il Discount Centro Oceano si impegna a mettere in vendita anche frutta e verdura etichettate come “brutte

Lo spreco alimentare è un problema che riguarda ormai la maggior parte delle aziende e dei supermercati, e una delle cause principali è sicuramente l’estetica della frutta e della verdura.

Si pensi, infatti, che circa un terzo dei prodotti alimentari non arriva sulle nostre tavole, e non viene nemmeno esposto, per motivi estetici.

In questo caso è proprio vero il detto “l’occhio vuole la sua parte”, infatti nessuno comprerebbe mai un ortaggio ammaccato o una verdura dalla forma strana, o perlomeno non convenzionale.

Si tratta però di un grande errore, perché questi prodotti definiti come “brutti” sono generalmente i più buoni e i più genuini.

Lo spreco di questi prodotti è alimentato anche dai canoni imposti dall’Unione europea, riguardanti l’estetica dei prodotti, che fanno sì che circa il 33% di frutta e ortaggi non venga nemmeno messo in vendita.

Il Discount Centro Oceano, essendo consapevole che l’estetica non va a incidere e a condizionare il sapore del prodotto, si impegna a mettere in vendita anche frutta e verdura etichettate come “brutte”, con l’obiettivo principale di porre un freno a questo spreco di prodotti alimentari e sensibilizzare i propri clienti a una spesa più genuina e consapevole.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
Continua a leggere


Meteo Marche