Connect with us

Attualità

JESI / «IMPEGNO E SACRIFICIO»: ROBERTO MANCINI AGLI STUDENTI DELLA FEDERICO II (foto e video)

Il ct della nazionale di calcio ritorna nella scuola dove ha studiato sino all’età di 13 anni

JESI, 1 aprile 2019 – Grande emozione per gli studenti e le studentesse della scuola Federico II di Jesi, che questa mattina hanno incontrato Roberto Mancini, ct della nazionale di calcio nel suo secondo giorno di impegno dopo la sua presenza, ieri, a Palazzo dei Convegni, dove aveva autografato le Pigotte dell’Unicef (leggi l’articolo).

Mancini ha studiato nella scuola che si affaccia su Piazzale San Savino «fino ai 13 anni, poi sono andato via. Per me oggi è una grande emozione».

L’incontro, dal titolo Sport: impegno e sacrificio quali uniche vie per il successo, si è svolto nell’aula magna dell’Istituto Statale Comprensivo Federico II. È stato preceduto da Doriano Pela (foto in primo piano insieme a Mancini e al preside Massimo Fabrizi), ricercatore jesino ed ex compagno di classe del Mancio, che ha raccontato ai ragazzi la prima sfida tra Italia e Germania. Correva l’anno 1944, era proprio un primo di aprile, quando nel pieno dell’occupazione nazifascista viene organizzata una partita di calcio (leggi l’articolo).

Intervistato dal Paolo Petrucci, l’allenatore jesino ha raccontato di aver fatto le scuole medie nello stabile che questa mattina lo ha visto salire in cattedra: «Ai ragazzi non dico di diventare campioni ma di divertirsi. Se poi desiderano raggiungere traguardi importanti,suggerisco di impegnarsi».

roberto_mancini1 roberto_mancini2 roberto_mancini3 roberto_mancini4 roberto_mancini5 roberto_mancini6 roberto_mancini7 roberto_mancini8 roberto_mancini9
<
>

Tantissimi gli studenti che hanno fatto domande e posto curiosità: «Da quando io ero piccolo e bastavano quattro sassi per fare una porta, il mondo ora è molto diverso. Per i ragazzi oggi è più difficile ma l’onestà, il sacrificio, sono valori che valgono per tutti e che mi sono stati insegnati a casa sin da bambino».

(e.d.)

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
  •   
  •   
  •  
  •  
Continua a leggere
Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.