Connect with us

Cronaca

MAIOLATI, FESTA DELLA LIBERAZIONE / CELEBRAZIONI CON GLI ALUNNI DELL’ISTITUTO COMPRENSIVO

MAIOLATI, 22 aprile 2015 – Bambini e ragazzi protagonisti, a Moie e a Maiolati Spontini, delle iniziative programmate dall’Amministrazione comunale e dall’Istituto comprensivo “Carlo Urbani” per celebrare il 70esimo anniversario della Liberazione. Anche quest’anno saranno due gli eventi in programma nellamattinata di sabato 25 aprile.
La giornata si aprirà a Moie alle ore 9,30 con il raduno al parcheggio della nuova scuola primaria “Martin Luther King” di via Venezia, da dove muoverà il corteo diretto alla biblioteca La Fornace. Alle ore 10 inizierà la manifestazione nel piazzale di fronte al centro culturale “eFFeMMe23”, con la deposizione di una corona di alloro nella lapide che ricorda i due partigiani Augusto Chiorri e Libero Leonardi. La celebrazione proseguirà con gli interventi del primo cittadino Umberto Domizioli e del sindaco del Consiglio dei ragazzi Giulia Nisi. La parola passerà, quindi, agli alunni della scuola primaria di Moie. Dopo l’esibizione dei cori polifonici “David Brunori” e “Gaspare Spontini”, con musiche eseguite dalla banda “L’Esina”, ci sarà la testimonianza di un rappresentante dell’Anpi, l’associazione nazionale partigiani d’Italia. A chiudere gli interventi sarà il dirigente scolastico Nicola Brunetti. Alle 11,45 la cerimonia per l’anniversario della Liberazione si sposterà a Maiolati Spontini, con il momento clou previsto alle 12,15 in Largo Giannino Pastori, davanti al municipio, dove ad eseguire le musiche sarà la Filarmonica “Gaspare Spontini” di Maiolati. “Rendere i giovani protagonisti delle iniziative per l’anniversario della Liberazione – osserva il sindaco Umberto Domizioli – significa farli riflettere su valori come la giustizia e la libertà, di cui è importante che i ragazzi colgano il senso più profondo. Sono termini, quelli evocati da Pietro Calamandrei e ricordati nel nostro manifesto per il XXV Aprile, che devono essere ricollegati ai sacrifici di quanti hanno costruito le fondamenta del nostro stato democratico ma anche all’impegno di tutti perché siano riferimenti e fari anche per il futuro. Ecco, quindi, il perché di una manifestazione con gli alunni delle nostre scuole”.

 

Condividi
  •   
  •  
  •  
  •  
  •   
Continua a leggere
Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.


Meteo Marche