Connect with us

Misticanza jesina

MISTICANZA JESINA / PENSIERI & CHIACCHIERE IN DIALETTO

 

Rubrica di Gioia Morici

 

SONDAGGI TELEFONICI IN VALLESINA

 

Pronto…chi è? Com’ede ditto che ve chiamàde? Rolando? Ma chi sede, el fijo de Gaetanì che commèda le bigiglette giù ‘l Prado? Ah, no? Ascusàde tanto, me paréa…E qu’avéde ditto che voléde? Un sondaggio telefonico? E que sarìa? Aah…n’intervista?? Ma come ce pensàde?! Se vede che non c’avéde nie’ da fa’, eeh…io invece adè ve saludo che non so ndo sbatte la testa. A cojò! Ma que? Ancora discoréde?? Non c’ho tempo da perde, ooh! La voléde capi’? C’ho da sistema’ casa, po’ me devo vesti’ e c’ho pure da fini’ de cucina’…come? voléde sape’ que fo da magna’? El conijo co’ le padade. No in podacchio, no, ntel forno. Sci, co’ ‘sto caldo. Perché col caldo vu’ non magnàde? Ma, insomma: que ve servirìa esattamente da me? Un parere su la vida de oggi?? Digo, la pagàde vu’ ‘sta telefonada, coso? No, perché sci v’ho da di’ tutto quello che penso de la modernidà ce stamo ‘na mesàda sci che no. Prima de tutto, la gente non ce sta più co’ la zocca. Tutti che cure…cure…cure…ma ndo madonna va, eh? Ah, per me non cel sa mango lora. Ma que fade, ridéde? Come me chiamo io? Me chiamo Mariola. Sci, ve la digo l’età, prolligò: c’ho 83 anni e cingue mesi. Que ve sa fadìga? Daje, però, ade’ perdero tiràde via, che c’ho prescia. Que fo a ferragosto? Vo a pranzo da mi’ nòra. Capirai! Allora magno parecchio! No, non cucina proprio male, no…ma ficca tutto ‘nte quel coso…lì…comm’è che je dice? El micio-onde…scì, daje ‘n po’…quel fornelletto che drendo ce cape sci e no ‘na costa de sellero! Ma el giorno de la festa ‘na lastrina de vincesgrassi te puzza, digo io? Ma lìa dice che “è tanto stracca”…stracca de que non s’è capìdo. Sta tutto el giorno colca giù ‘l mare e po’ da cena compra la pizza già fatta! Vòi mette ai tempi mia? quanno se facèa quelle belle magnàde de stoccafisso…de baccalà fritto….de fagioli co’ le còdighe…Quelle sci che dava gusto! Oddio, el pòro Armandì dopo ‘na cena de trippa in ummido è gido a fa’ la tèra pel cece…ma, del resto, se vede che era destinàdo luscì. Eppò, aho, c’avea pure novantun anno: e que è, ‘na sciapàda? Eh, caro Rolandì, la vecchiaia è brutta muntobe’…VE AUGURO DE NO ‘RIVACCE. 

Gioia Morici

gioia.morici@qdmnotizie.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere
Lascia un commento

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

venti + 2 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Copyright © 2018 - Tutti i diritti riservati Associazione Culturale Massa Actii - via Roma, 18 - Cupramontana (An) Italy - P.IVA 02573660426 - tel. +39 0731 789023