Archivi giornalieri: 13 novembre 2017

JESI / L’EX FILANDA GIROLIMINI OGGETTO DI MOZIONE PRESENTATA DAL CONSIGLIERE COMUNALE FIORDELMONDO (PD)

JESI, 13 novembre 2017 – Il degrado dell’area conosciuta come ex Filanda Girolimini, nella zona compresa tra via Roma e via Asiago ed in prossimità del Parco del Vallato e delle scuole Martiri della Liberà, è oggetto di una mozione presentata al Consiglio comunale dal consigliere Lorenzo Fiordelmondo.

Nel lungo documento si traccia la storia di quest’area di proprietà privata, già oggetto di un piano di recupero che avrebbe avuto il via libera ià a maggio 2017.

Nonostante ciò in quell’area non è stato effettuato alcun intervento con il conseguente peggioramento delle condizioni generali.

Nel documento del rappresentante del PD si ipotizza “pericolo di crolli, necessità di messa in sicurezza, salubrità dell’ambiente e recupero del decoro urbano”. Nel documento  si fa presente che l’area oggetto della mozione è caratterizzata “da voluminosi edifici, tutti soggetti a pericolo di crollo”, che i sistemi di sicurezza sono pressoché inesistenti, salvo una cartello che vieta il passaggio, pur in presenza di altri accessi da via Roma/Asiago e dal “Parco del Vallato, zona campo sportivo Amedeo Mosconi, attraverso un tornello, originariamente abilitato a tale uso e ad oggi – leggiamo nel documento – mai disabilitato”.  Come se ciò non bastasse, la Mozione denuncia anche il fatto che quegli immobili sono utilizzati come riparo da persone senza dimora con grave rischio per loro. Non solo, Fiordelmondo segnala anche che in quegli stabili si sono più volte originati incendi che hanno messo a rischio sia gli occupanti, così come i cittadini che abitano negli edifici confinanti. Sotto accusa, nel documento, lo stato indecoroso del complesso abbandonato ed il fatto che proprio attorno all’immobile passa il tracciato del  “Piedibus” che i bambini percorrono per recarsi nella scuola Martiri della Libertà.

Oltre a ciò il rappresentante del PD fa presente dell’avvenuto incontro tra gli attuali Amministratori ed i cittadini “i quali avrebbero riferito del suddetto Piano di Recupero dell’intera area, con illustrazione dello stesso”; una situazione, questa, che i cittadini avrebbero interpretato come avvio di un rapido intervento  “ma – leggiamo nella mozione – hanno purtroppo ad oggi constatato il mancato avvio di una qualsiasi attività, dovendo rilevare un ulteriore peggioramento dello stato, di già allarmante degrado, dell’area interessata”.

La situazione dell’area dell’ex Filanda Girolimini, si fa notare, “rappresenta un mero tassello del più ampio problema inerente la dismissione delle aree private nella città di Jesi, del loro degrado urbanistico per ragioni connesse alla mancata cura e conservazione da parte dei legittimi proprietari, all’inidoneo utilizzo da parte di terzi nonché a motivi inerenti la loro conformazione strutturale che spesso prevede la giacenza di Eternit in dimensioni notevoli. Rale problematica – conclude la parte descrittiva dell’interpellanza – necessita di una programmazione di medio – lungo periodo, ma anche di interventi contestuali idonei ad offrire soluzioni immediate per la messa in sicurezza, la salubrità dell’ambiente e del decoro urbano della città”.

La mozione del PD mira all’adozione immediata di provvedimenti, ricorrendo anche, se necessario, all’emissione di una ordinanza che imponga ai proprietari dell’area la messa in sicurezza dell’area “nonché alla rimozione di tutto il pattume accatastato”, per riportare un po’ di decenza nell’area. Qualora la proprietà non dovesse adottare provvedimenti “no escludere un intervento diretto dell’Ente” per ridare vivibilità all’area. Nelle richieste non mancano quelle che invitano il Comune ad adoperarsi perché adotti misure valide per evitare l’accesso nell’area a chiunque; soprattutto, però, si richiede di indire un incontro col sofìggetto privato proprietario dell’area “al fine di ricevere informazioni dettagliate circa le condizioni che ad oggi non hanno ancora permesso l’avvio dell’intervento, procurando, laddove necessario, tutte le condizioni utili per l’esecuzione dello stesso in tempi brevi”.

Sedulio Brazzini

JESI / IN VIA CASTELFIDARDO UNA STRISCIA DI VERDE DIMENTICATO

JESI, 13 novembre 2017 – Non so se ci avete fatto caso, ma da qualche settimana gli spazi verdi della città si presentano ben tenuti: erba tagliata, siepi più curate, cartacce pressoché sparite.

Questa è la città che tutti vorremmo, la città degna di un popolo civile.

Purtroppo, però, i solerti lavoratori addetti alla manutenzione del verde e quanti li guidano nei vari siti a volte dimenticano alcuni spazi.

Un esempio di ciò che scrivo (ma ce ne saranno sicuramente degli altri) lo si può notare in via Castelfidardo, proprio a pochi passi da Porta Mazzini.

Qui c’è una aiuola posta tra le due scalinate che scendono verso il quartiere Prato; tra le scalette e l’aiuola c’è una striscia di “verde” particolare. S

e guardate bene le foto vi accorgerete che tutto quel verde è costituito da un tappeto “piccante” di ortica fresca, delizia per gli animali che vi si avventurano e per i pochissimi bimbi vivaci che sfuggono ai genitori.

Prima che qualche fachiro se ne accorga e scelga il prato di via Castelfidardo come luogo di riposo sarebbe opportuno falciare quell’ortica e vangare i pochi metri quadrati di terreno per evitare l’infestazione.

s.b.

 

FABRIANO / LADRI “ACROBATI” IN AZIONE IN PIENO POMERIGGIO

FABRIANO,  13 novembre 2017 –  Nuova incursione di ladri acrobati in due appartamenti fabrianesi.

In questa occasione si sono introdotti al primo ed al secondo piano di un gruppo di appartamenti in via Broganelli. I proprietari delle due abitazioni erano fuori al momento dei due colpi, avvenuti in un arco di tempo compreso (supposto) tra le 16 e le 20 di sabato pomeriggio.

Una volta entrati i ladri hanno messo a soqquadro tutti gli ambienti. In un caso ingente il bottino – anche se non quantificabile nello specifico, ma sicuramente diverse migliaia di euro – con molti preziosi trafugati dall’appartamento. Nel secondo caso molto disordine, oggetti sparsi ovunque, ma apparentemente niente di prezioso prelevato. Questo perché il colpo è stato bloccato dal rientro intorno alle ore 20 dei proprietari.

Immediato l’allarme lanciato alle forze dell’ordine, che al momento stanno indagando su questo ennesimo colpo nelle case fabrianesi.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

MOIE CALCIO / ANCORA UNA SCONFITTA, SEPPUR IMMERITATA

Moie Vallesina – Gabicce Gradara  0 -1

MOIE, 13 novembre 2017 –  Sconfitta immeritata per un Moie Vallesina a cui davvero non ne va dritta una.

Il Gabicce porta a casa 3 punti grazie ad un tiro in porta e ai miracoli del suo portiere.

Il gol decisivo è realizzato al 20′ quando, su un lancio lungo dalle retrovie, Rossi è bravo a scattare sul filo del fuorigioco e a battere Cerioni con un preciso diagonale.

Da li in poi monologo della squadra di casa interrotto solo dalle continue perdite di tempo dei giocatori della squadra ospite.

Al 45′, su grossolano errore di un difensore ospite, Palazzi commette un netto fallo da rigore ai danni di Gabrielloni su cui l’arbitro sorvola clamorosamente, evidenziando un atteggiamento a senso unico che ha caratterizzato la terna per tutta la partita.

Nel secondo tempo il Moie Vallesina domina e le occasioni fioccano, ma la palla non vuole sapere di entrare.

Tra quelle più clamorose citiamo quella di Gabrielloni al 70′, che Palazzi sventa con un guizzo sulla linea, quella di Stamate all’88, che calcia alto la corta respinta del portiere, e quella di Capecci al 93′, sul quale si è di nuovo superato l’estremo difensore ospite.

Moie Vallesina: Cerioni Spinelli (al 80′ Tittarelli) Simonetti Carloni (al 65′ Pierleoni) Stamate Morazzini Wu (al 88′ Mimotti) Mosca Giuliani (al 60′ Capecci) Magini Gabrielloni. All. Busilacchi.

Gabicce Gradara: Palazzi Arduini Costa Fabbri Grassi (al 24′ Tardini, al 60′ Santucci) Sabbatini Grandicelli (al 58′ Tafuro) Pratelli Rossi Muratori (al 82′ Zamboni) Marchetti (al 89′ Marcolini). All. Barattini

Arbitro: Salvatori di Macerata.

Reti: al 20′ Rossi.

FABRIANO / NESSUNA NOVITÀ DI RILIEVO NELLA VERTENZA TECNOWIND

FABRIANO, 13 novembre 2017 – Si è concluso dopo circa due ore di confronto tra Sindacati e Proprietà il nuovo vertice sulla vertenza Tecnowind. Il primo tavolo di confronto dopo l’apertura della procedura di mobilità per 140 dipendenti (su poco meno di 250) lo scorso 26 ottobre secondo i sindacati non ha portato novità sostanziali secondo la lettura offerta dai sindacati.

Il confronto si è svolto all’interno della sede anconetana di Confindustria.

“Il piano concordatario e stato depositato presso il tribunale di Ancona il 4 Novembre – spiegano Fim, Fiom e Uilm – l’Azienda dichiara che ad oggi le uniche manifestazioni di interesse in essere per eventuali acquisizioni, riguardano gli asset, in maniera prevalente il sito cinese”.

Durante l’incontro sono stati illustrati i contenuti del piano a fronte del quale le Organizzazioni Sindacali hanno dichiarato: “L’importanza e la necessità di esercitare tutte le pressioni per permettere all’Azienda di continuare a lavorare ed evitare il fallimento”.

Ancora una volta fari puntati sul numero degli esuberi, nodo da sciogliere per i sindacati. “Indispensabile partire dalla riduzione del loro numero – proseguono – per iniziare a discutere di tutte le azioni da mettere in campo per questa difficilissima vertenza ed eventuali percorsi da attivare in sinergia con tutti i soggetti che hanno fin qui partecipato”.

Domani alle 8 nuova assemblea in stabilimento.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

JESI / TASSA RIFIUTI, CORRETTI I CALCOLI DEL TRIBUTO APPLICATO DAL COMUNE

JESI, 13 novembre 2017 – In seguito ad una recente interrogazione parlamentare e alle conseguenti notizie apparse sulla stampa nazionale che hanno evidenziato possibili errori da parte dei Comuni nel conteggio della tassa sui rifiuti, si precisa che il Comune di Jesi ha sempre calcolato correttamente il tributo dovuto dai propri contribuenti.

La cosiddetta “parte variabile” della tassa è stata infatti applicata, sin dall’istituzione della Tares nell’anno 2013, una sola volta per ogni utenza domestica, senza duplicazioni se vi sono pertinenze delle abitazioni (autorimesse, cantine o soffitte).

Per verificare la correttezza del calcolo è sufficiente visualizzare il dettaglio degli avvisi pagamento inviati dall’Ufficio Tributi, dove la parte variabile della tariffa viene addebitata solo sulle abitazioni e non sulle autorimesse, conformemente alle indicazioni contenute nella risposta alla suddetta interrogazione parlamentare.

A proposito della tassa rifiuti, l’Ufficio Tributi ricorda che entro giovedì prossimo, 16 novembre, va versata la seconda ed ultima rata dovuta al Comune di Jesi per l’anno 2017, pari al 50% del totale annuo dovuto. Il versamento va effettuato utilizzando il secondo modello F24 precompilato già spedito ai contribuenti in occasione della scadenza della prima rata. In caso di mancato recapito o smarrimento dei modelli di pagamento è possibile rivolgersi all’Ufficio Tributi ed eventuali copie dei modelli F24 possono essere richieste anche via e-mail, specificando le generalità del contribuente

JESI / AZZARUOLO, SI COMPLICA L’APERTURA DEL CENTRO PER L’AUTISMO

Maria Luisa Quaglieri

JESI, 13 novembre 2017 – Torniamo a parlare del centro per l’autismo Azzaruolo, una vicenda ancora  aperta e che fa discutere molto cittadini, genitori ed addetti ai lavori.

La struttura, dopo 10  anni di lavori, si sarebbe dovuta inaugurare a marzo 2018 ma a causa di svariati problemi non verrà resa operativa a breve.

“Quella dell’Azzaruolo  è una circostanza spiacevole, cavilli burocratici di vario tipo hanno reso impossibile l’apertura del centro in tempi rapidi” cosi commenta amareggiata l’assessore Maria Luisa Quaglieri “c’è un problema di accreditamento della struttura che non dipende da noi ma dalla Regione, ci sono da definire delle linee guide tra regione e famiglie, rette, personale da inserire” continua la Quaglieri “a causa di leggi cambiate in regione proprio per ciò che concerne gli accreditamenti,  le linee standard  vanno riviste ed approvate, in più c’è da sottolineare che questa che andremmo ad aprire è anche e soprattutto una struttura sperimentale con standard differenti da quelli già conosciuti per comunità già presenti sul territorio.”

Ricordiamo che nel 2013  il Consiglio Comunale di Jesi ha inserito il completamento del centro nell’elenco annuale dei lavori pubblici.

“Nel frattempo  –  ci racconta Antonella  Foglia dell’Associazione Nazionale Genitori Soggetti Autistici – sono cambiate le disposizioni riguardo l’adeguatezza e le caratteristiche del centro che, essendo sperimentale e  sull’ autismo  ha bisogno di specifiche diverse da ogni altro centro presente sul territorio, tanto per dirne una , non basterebbe neanche  il rapporto di un operatore per ogni utente ma già da qui il centro avrebbe bisogno di più personale di una comunità residenziale. Bisognerebbe adeguare gli standard. Noi dell’associazione abbiamo chiesto un incontro con il sindaco Bacci per fare il punto della situazione”.

“Attendiamo ora l’ultimo incontro in Regione e speriamo che sia quello risolutivo” conclude la Quaglieri.

(Cristina Amici degli Elci)

cristina.ade@qdmnotizie.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

FABRIANO / LAVORO, LA “ROAD MAP” DI SANTARELLI

FABRIANO, 13 novembre 2018 – Dopo l’incontro venerdì tra Capigruppo, Sigle Sindacali e primo cittadino, ecco il punto espresso dal Primo Cittadino Gabriele Santarelli attraverso un lungo post su facebook.

“Formulare una richiesta di inserimento nell’area di crisi complessa – spiega Santarelli – questo l’obbiettivo da perseguire con la convocazione della commissione lavoro della regione Marche a Fabriano”. Una richiesta forte e condivisa che, secondo le intenzioni del primo cittadino “Contempli anche la richiesta di inserimento nell’area di crisi complessa, da sottoporre al Governo”

“Questo dopo aver ascoltato quali sono i piani della regione per il nostro territorio”, e poi l’analisi cruda, che secondo Santarelli deve mettere in conto “Anche la diminuzione dei servizi: “Camera di Commercio, incertezza sul futuro dell’ufficio INPS, revoca dell’accreditamento per la formazione al Centro per l’impiego, incertezza sul futuro della stazione ferroviaria, cronica carenza di personale sanitario in diversi reparti del Profili”.

L’obbiettivo del primo cittadino è quello di ottenere il voto unanime di un ordine del giorno da parte del consiglio, così da poter coinvolgere altri comuni, Sindacati e le associazioni di categoria per dare forza e sostanza alla richiesta.

“Abbiamo convenuto di dover dedicare a questo tema una seduta del consiglio comunale per integrare le diverse proposte presenti sul tavolo e questo avverrà martedì 21 al termine del consiglio comunale congiunto con il consiglio junior”.

JESI / CARABINIERI: CONTROLLO DEL TERRITORIO, 7 DENUNCE E 6 GIOVANI SEGNALATI

JESI, 13 novembre 2017 – Il fine settimana ha visto impegnati numerosi carabinieri della Compagnia di Jesi per la prevenzione alle cosiddette “stragi del sabato sera”.

Il Nucleo Radiomobile con le Stazioni di Chiaravalle, Moie di Maiolati Spontini e Monte San Vito, nell’ambito di un servizio straordinario del controllo del territorio organizzato da questo comando, hanno attuato continuativi servizi tra la sera di venerdì e la mattinata di ieri.

Numerose sono state le perquisizioni per la ricerca di stupefacenti, soprattutto nei luoghi maggiormente frequentati da giovani.

Sono stati 6 i giovani, tra 16 e 21 anni, ad essere segnalati quali assuntori di stupefacenti. Nei loro confronti sono state eseguite anche perquisizioni domiciliari, sequestrando in un caso anche cocaina ad un 19enne. Due di loro, minorenni, sono stati trovati, oltre che con spinelli già confezionati, anche con alcuni grammi di hashish.

Sul versante della guida in stato di ebbrezza, invece, sono state ben 7 le denunce nei confronti di utenti, la cui alcolemia, tranne uno, è sempre risultata superiore all’1,50 g/l litro. Ovviamente a tutti è stata ritirata la patente, mentre le autovetture sequestrate ai fini della confisca sono state 3.

VOLLEY MASCHILE JESI / PRIMA VITTORIA STAGIONALE PER IL SESTETTO DI MARCO MASSACCESI

TermoForgia Sicur Clean Volley Club Jesi         Jumper Volley         3-1

JESI, 13 novembre 2017 – Prima vittoria stagionale per il sestetto alleato da Marco Massaccesi.

Un punteggio pieno, fortemente cercato e trovato, frutto anche di un buon gioco. Una vittoria per la classifica e per il morale.

Nel primo set le due formazioni iniziano subito a darsi battaglia. Jesi parte meglio ma i Jumper si riprendono subito e dopo un gioco alla pari, gli ospiti affondano due break e quindi mettono la freccia dal 17-15 per poi non mollare mai fino al 25-22.

Nel secondo set la partita cambia volto e, complice un servizio efficace, pochissimi errori ed un attacco puntuale Jesi resta sempre avanti dominando il parziale fino al 25-19 finale.

Nel terzo set i Jumper non mollano la presa e si torna a battagliare punto a punto. Dal 13-13 pari in poi è Jesi a prendere di petto la sfida allungando sul 16-13 fino a chiudere con un 25-22.

Il quarto set è sofferto con i Jumper che si dimostrano squadra di carattere e combattiva. Ma la determinazione dei leoncelli si vede. Da metà parziale in poi il leggero vantaggio acquisito è gestito fino alla fine: 25-21.

Sabato prossimo 18 Novembre appuntamento alla Carbonari contro il Montesi Volley Pesaro.

 

TermoForgia Sicur Clean Volley Club Jesi:   Baldoni (K), Brunetti, Fagioli, Ferranti, Filipponi, Giardinieri, Pirani, Sebastianelli, Silvestrini, Valeri, Ambroggio (L). All. Massaccesi.

Jumper Volley (S.Angelo in Vado):  Bartoloni, Bravi, Brocca, Capozzi, Cazorzi, Della Virginia, Dormi, Falasconi, Fanelli, Martinelli, Paoloni, Giordano (L1), Feligioni (L2).  All. Bravi – Spezi

Parziali:  22-25, 25-19, 25-22, 25-21

Arbitro:  Talevi Federica