Connect with us

Cronaca

JESI / Covid: 538 in tre giorni le domande all’Asp per i buoni spesa

Maggiori i costi sostenuti dall’azienda a causa del virus: oltre un milione fronteggiato grazie ai contributi dello Stato e della Regione

JESI, 18 dicembre 2020 – La pandemia ha condizionato fortemente l’erogazione dei servizi e l’organizzazione dell’Asp Ambito 9.

Il rispetto della normative sul contagio ha fatto aumentare in maniera significativa i costi di gestione dei servizi, e gestendo l’Asp quelli rivolti alla persona ha dovuto applicare in maniera più incisiva le disposizioni.

«Ad oggi, ma il conto finale si potrà fare a inizio 2021 con l’arrivo di tutte le fatture, il maggior costo che abbiamo sostenuto è di 1.092.158 euro» ha spiegato il presidente Matteo Marasca.

Andreoli immobiliare 01-07-20

«Costi che abbiamo fronteggiato grazie ai contributi di Stato e Regione e in parte con risparmi maturati» ha aggiunto il direttore Franco Pesaresi, nell’incontro tenutosi Villa Borgognoni.

L’Asp proprio in questi giorni è al lavoro con la seconda distribuzione dei buoni spesa: sono 538 le domande arrivate in tre giorni. 

«Del totale di queste richieste, 330 sono le famiglie che hanno già ricevuto il buono che può essere utilizzato nei negozi convenzionati – ha spiegato il direttore -. Diverse famiglie lo hanno già utilizzato».

L’ammontare del buono è pari a 315 euro in media: nel corso del lockdown la scorsa priavera erano state oltre 700 le domande arrivate.

«Non escludiamo di poter raggiungere la medesima cifra» ha aggiunto Pesaresi.

Leggi anche:

JESI / Richiesta buoni spesa alimentare, pubblicato l’avviso

(e.d.)

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
  •   
  •  
  •  
  •   

parafarmacia gocce di salute


Meteo Marche