Misticanza jesina

MISTICANZA JESINA / PENSIERI & CHIACCHIERE IN DIALETTO

DEBBY, JESSY E FUFFI

 

Pronto, so’ Debora, c’è Jessica? Jessy, ma, sei te? Non t’aveo riconosciudo, ciao, que fai, studi? Ambè, me parea che studiavi, m’avea preso un colpo…nooo, non studio manco io, ma come ce pensi? Senti, te chiamo pe’ raccontatte ‘na cosa, non te rendi conto que m’è successo. Tiette forte: me so’ lassada co’ Tommy. Come perché? Perché m’ero stufada. Aho, c’ho 15 anni, oramai so’ grande, fo come me pare e sci me stufo, amen. Sì, cel so che l’altro ieri stavamo insieme, ma è successo ieri…come ieri quanno? Ieri sera alla festa giù via Roma, verso le 11…e alle 11 e 10 me so’ messa co’ Fuffi. Come Fuffi chi? Fuffi, l’amico de Pippi…dai, el cugino de Andri, quello che stava cò Jenny…no Danny, Jenny! Jenny, la sorella de Raffi! Sì…sì…es…esatto…Raffi, la ex de Johnny, braa…proprio lia. Hai capido ade’ chi è lo ragazzo novo mia? Babbo, sci, ho finito co’ la trama de Beautiful…no, non ce sto tanto al telefono, ade’ metto giù e viengo a cena. Insomma, come arrivo alla festa, vedo a Fuffi! Era bello muntobè: c’aveva i jeans che je ‘rivava giù i ginocchi, la majetta mezza sghizzada de vernice, i capelli lunghi tutti incaccoladi, du’ anelli ntel naso, tre nte ‘na ganascia e quattro nte le ‘recchie…guarda: a confronto Sebastian de Maria de Filippi è un contadì de la Grancetta! Beh, come poteo resiste? Allora so’ gida da Tommy, j’ho ditto “te lasso” e me so’ messa co’ Fuffi! Tanto quando l’amore chiama, bisogna risp…Come chi è che sgaggia? È sempre babbo, chissà chi è! Ma niè, dice che vole vede’ l’Inter in santa pace e sci non me la finiscio me butta fori de casa. Babbo, dai…esse bono….que vòi che sia du’ chiacchiere al telefono! È vero, ‘sta settimana è tre ‘olte che me ricarichi il cellulare, a discore n’è fadiga e invece a paga’ sci. Ma tanto io coll’amìga mia ce devo parla’, capisci? Jessy, scusa sa’, ma babbo non capisce. Pare matto. Eh, que dice, che sci non metto giù ‘sto cazziga de telefono, me dà ‘na bella gonfiada d’ossi e ‘sto giro avvanza ancora per te, Tommy, Fuffi e quelli de la Tim…anzi: DE LA TIMMY

Gioia Morici

gioia.morici@qdmnotizie.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

MISTICANZA JESINA / PENSIERI & CHIACCHIERE IN DIALETTO

UNA JESINA IN FRANCIA

 

 

«Ndo ede passado le ferie, Mariola, a la Sgurgola che non v’ho visto mai ‘sti giorni?».
«Mango ve l’ sognade ndo so gida, Fedora».
«E ndo sarede stada mai…».
«A Parigi, cara mia, a Parigi!».
«Sci, ‘rcontademene n’antra!».
«No, no…ve ‘rconto proprio quessa invece».
«Ma come? Ve stade sempre a lamentà che non c’ede ‘n bocco!».
«Beh, que c’entra…io infatti non ce voléo gì, perché i storni me vola sempre bassi muntobè e qualche ‘olta li ‘cchiappo ‘ncora co’ le ma’, ma Vincè mia ha ‘nsistido tanto: “Daje, viecce – m’ha ditto – vedrai che ce divertimo”, e po’ ha prenotado».
«E dide ‘n po’, come v’è sembrada ‘sta capidale de la Francia?».
«Mbè, credéo mejo…».
«Que??».
«E sci, cure de chì, cure de là, m’ha straginado ‘ncora ‘nte ‘l boja de Neno, ma non m’è parsa ‘na gran robba…».
«Ma non me dide…».
«Sci, sci, ve ‘l digo proprio…m’ha portado pure al Luv, el museo ‘ndocche tiè la Gioconda: capirai…un guadruccio che pe’ guardallo te ce sguerci…que c’entra, n’è brutto, ma sci ve dovessi dì, a me me piace de più i quadri de Mondo…».
«Ma non me dide…».
«Sci, sci, ve digo pure quessa…e po’, tutta st’importanza che se dà ‘ssi francesi, chissà chi je pare da esse…e mo’ c’avrà nigosa lora! “Pardò…commà…no comprempà”: e sci el pa’ no’ lo vòi, no’ lo comprà…’ssa quanto me frega a me! Ma va’ a morià ‘cciaccado te e mammeda!».
«Che gente, Marì mia! È proprio vero: sci ve l’avevade magnadi quei guadrì, era mejo!».
«È quel che digo pure io. E po’ quanti n’ho spesi de guadrì, Fedora mia! Non je bastava mai, cazzarola! Ma Vincè paréa matto, parlava con tutti, dava confidenza, e quelli dopo lo fregava. “Non te ciammistigà co’ ‘ssi ‘nsumbianti, tollorò, ma no’ lo vedi che t’ambroja??”, je dicéo, ma lù mango pe’ le otto, che babbeo!».
«Mbè sa’, l’ommini è boccaloni muntobè!».
«Lora sci, ma io no! Co’ ‘l caòlo che je ce ‘rtorno a Parigi, mango sci me ce paga! Le ferie n’antr’anno le passo chì casa mia, a la faccia de quei gallastrò! “Visidé, visidé”…sci, sempre questa ho sentido, ma a forza de “visidè” e de “paghé”, SO’ ‘RMASSA INCHIAPPETTÉ!».

Gioia Morici

gioia.morici@qdmnotizie.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

MISTICANZA JESINA / PENSIERI & CHIACCHIERE IN DIALETTO

DIO NON PEGGIO

 

«Oh, va, Cesira! Come stade?».

«Eh, Dio non peggio. E Luciano?».

«Sempre col nipode. Io non ce voleo crede…dicea tutti: vedrai, vedrai che pure Lucia’ te se scioje come el burro. E io pensao: sci, e quanno lo scioji a quel sarnà! E invece…anzi che sciolto! Quello s’è proprio rimbambido!».

«A sci?».

«Oh! De brutto, po’! Quel monello je po’ pure saltà coi piedi su la zocca, che lù sta lì bono come un salame! El dovede vede: me pare coso lì…».

«Chi?».

«Quell’attore famoso…».

«Chi, UGO PAJARO?».

«Ma no! Quel’altro…».

«GIANNI NAZZARO!».

«Ma miga recida quello!».

«Ah, già, è cantante».

«Essù…quel gioinotto…ce l’ho nte la punta de la lingua…».

«ROSSANO BRAZZI!».

«Ma, scusade, quello ve pare un gioinotto? C’avrà 90 anni!».

«Peresse è morto!».

«Ecco va, peresse è pure morto! Aiutateme…quell’amerigano…».

«Ah, è forestiero? E didelo subbido, no! Allora ho capido: è quel piccoletto…».

«Sci, sci…».

«Quello che piace a le donne…».

«Braa!».

«Quello che va tanto de moda…».

«Sci, è proprio lù! Dide, dide…».

«LEOPOLDO DI CAPRIO!».

«Ma que ve sede ‘mmattida tutto nte ‘n botto?».

«E perché?».

«Ma ve pare che quel salcicciò de mì marido arsomija a Di Caprio?».

«No, per niente».

«E allora? E po’ se chiama LEOPARDO, no Leopoldo. LEOPARDO DI CAPRIO».

«E va bè, Leopoldo, Leopardo…piuttosto: se po’ sapè de chi cavolo stade a parlà?».

«Ecco, me so’ ricordata. Mì marido, quanno che sta cò lo nipode, pare proprio lù: RASTI HOFFAN!».

«DASTI HOFFAN? E que c’entra?? Luciano è molto più brutto de Hoffan, molto ma molto de più».

«Sci, cel so. Su questo semo d’accordo. Ma io diceo che je arsomija quanno che ha recitado la parte dell’handicappado».

«Aaah, ecco».

«Dai, nte quel bel filme ndocche c’avea quela maladìa strana».

«Sci, era AUTISTA».

«Poro cocco. Quelle è disgrazie grosse muntobè! Ce pensi? Un fijo che te soffre de ANTONISMO… e que è, na sciapada?».

«Ah, la salude è la prima cosa. Tocca a ringrazià el Signore».

«Eh, ringraziamolo mpò, però sull’altare non m’ha fatto fa’ un bell’affare!».

«El dide a me? Sarà pe’ st’altra campada! Bona Pasqua eh».

«Sci, e speramo che sia ALTA!».

Gioia Morici

gioia.morici@qdmnotizie.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

MISTICANZA JESINA / PENSIERI E CHIACCHIERE IN DIALETTO

LA BELLISSIMA STORIA DE CAPPUCCETTO ROSSO

Tanto tempo fa ce stava ‘na certa Cappuccetto Rosso. ‘Na madina la mamma je disse: “Ah Cappucce’, pia ‘sto cestì e portalo da nonneda, ma attenziò a le bestie cattive che gira tra le fratte. Ciao, torna presto e in bocca al lupo”. Cappuccetto non capì tanto be’ quest’ultima frase e si avviò da per lia ntel bosco. Cammina cammina a un certo punto je se parò davanti un lupaccio che je disse: “Weh, bardascia, indove vai?”. “Da nonna che è piccola ma magna – rispose Cappuccè -. Vedi, el cesti è pieno de robba da magna’: melangole, perelle, scarciofeni, selleri, pummidori, maragnani eccedera”. “Salude cocca!…beh, ade’ devo gì via perché m’ha squillado il telefonì, ascusa”. E quel birbacciò del lupo se ne andò. Mentre Cappuccetto, che era lenta muntobè, continuava a passeggià nte la foresta, il lupo arrivò dalla vecchia, suonò il campanello e se la ingollò in un boccò. Poi, scaltro come una faina, indossò la camicia da notte e il beriolo della nonna e se ficcò sotto le coperte. Quando Cappuccetto arrivò a destinaziò e aprì la porta, vide la nonna (che non era la nonna) e disse: “Ma que fai, ancò stai a letto?”. “Eh, so’ tanto stanca nipodina mia, stamadina ho fatto troppa ginnastiga”. “Oh pora nonna…”, replicò la piccola che, pure sci n’era tanto sveja, dopo aver guardato mejo, iniziò ad avecce qualche sospetto: “Ma nonna, che occhi grandi che c’hai…vòi un boccò de collirio??”. “So’ pe’ guardatte mejo, piccina mia…”, rispose la finta nonna. “Eh, ma che orecchie grandi che c’hai! Te ce fo i bagnoli?”. “So’ per sentitte mejo, piccina mia…”. “E sci, però, guarda che bocca che c’hai! Ma da quant’è che non te dai ‘na sistemada a la dentiera?? E se può sape’ que càzziga te magni? Ma non cel sai che all’età tua el pregiutto fa male, el pegorino pure…hai da diventa’ vegana e t’hai da prepara’ solo le minestrine come le creature, scindonga vai a fa’ la tèra pel cece!”. La finta nonna non ce vide più da le madosche: “Ah Cappucce’, ma si venuda a troà a nonna o a roppe li coiombrisi??”. E se la magnò.

Morale: a esse tristi non va be’, ma qualcuno te le leva da le ma’.

 

Gioia Morici

gioia.morici@qdmnotizie.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

MISTICANZA JESINA / PENSIERI E CHIACCHIERE IN DIALETTO

SUPPEL CORSO

 

 

– Oh, va, Mariola, come stade?
– Eh, Dio non peggio…
– Su via, è dolori, ma non se mòre.
– Almango! E vu, que me ‘rcontàde? È ‘n pezzo che non ve se véde. C’éde ‘vudo qualche ‘ncialampo?
– Cojò! Mettédece pure quelli! Già so’ tanto smaronàda pe’ conto mia!
– E que ne so, cuscì, a occhio e croce, me pareàde spentericciàda muntobè!
– E non me fade gi’ sùbbido a cappello! Già ce pensa quel paccatroni de mi’ marìdo a roppe l’anima. Quant’è stràino po’ ‘ssi giorni! “E smorcia la luce…e sgrulla la tovaja…e damme la salvietta…e sdelacciame le scarpe…e spande la coperta…el pregiutto l’hai compràdo?…el sugo l’hai mucinàdo?…e quesso me fa schifo…e quess’altro me fa ‘ndoja…”
– Me cojombrisi, che sfrizzola! E que diàolo j’ha preso? Era tanto cascèro…Da quant’è che s’è fatto luscì lapposo?
– Ma, que v’ho da di’, da ‘n po’ de tempo a ‘ssa parte non me fa sciorà mai. Certi magù me tocca a ‘ngolla, ogni giorno ‘na madosca!
– Eh, a ‘na certa età se smateria de brutto.
– Séde larga de complimenti ‘sta madìna. Ce n’éde qualcun’altro da famme? Dìdelo, che almeno ce levamo subbìdo el pensiero!
– Iè, quanto séde permalosa! E que v’ho ditto “còdiga”?
– Ma pensàde pe’ quelo sciamannàdo de vostro marìdo, piuttosto!
– Ah, io non me stizzo sci je dide male. Anzi…sci podessi ‘rtorna’ indiedro, ve fo vedé io!
– A di’ la veridà, me pare che i vizietti vostri vu ve l’éde cavàdi.
– Ma qu’accidenti dide?? Se Italo è l’unigo òmo che c’ho avudo!
– Bell’affare!
– Sci, parecchio! A 16 anni l’ho conosciudo, a 21 me l’ho sposàdo: me paréa d’avé troàdo el paradiso e ‘nvece…
– E ‘nvece?
– E ‘nvece so’ finìda ‘nte ‘l grasciàro!
– Almango el vostro s’è mantenùdo be’. Alvaro è tutta ‘na pellànciga! Quanno che la sera se presenta co’ quela majettella de la salùde, co’ tutta la trippa de fòri, non ve digo che spettacolo! Pensa’ che quanno l’ho conosciùdo era tutt’ossi…Babbo, quanno l’ha visto, m’ha ditto: “Certo, cocca mia, che a “Pellaccia” te lì rcapàdo proprio ntel mazzo!”
– Su, l’importante è che ancora c’è l’amore…
– Sci, ALLORA SEMO A POSTO! Ve saludo, cosa!

Gioia Morici

© RIPRODUZIONE RISERVATA

MISTICANZA JESINA / PENSIERI E CHIACCHIERE IN DIALETTO

CHIACCHIERE AL SUPERMERCATO

 

 

 

– Marì, vie’ ‘n po’ oltre.
– Que vòi?
– Ampò ‘sta crema.
– Que c’ha?
– Gerdiè sinergì puro.
– Sinergì? E que vol dì?
– E que ne so.
– Legge sotta.
– Ndo?
– Lì, que le parole scritte fine fine. Que je dice?
– “Tra…trattamento i…idratante pro…protettivo anti-rughe, agisce tutto el giorno. Pri…principi attivi al naturale ottenùdi co’ metodi d’estraziò che ne pre…preserva qualidà e purezza”.
– E ‘na madosca! E que sarìa?
– Sarìa che sci cel mettemo nte la faccia ce leva tutte le rughe.
– Perdero??
– Aah noo…c’è scritto chì.
– Ma bada a gì! Sì proprio ‘na boccalona! Ma que daèro credi a tutte ‘sse sciapàde??
– Perché?
– E sci, mo’ te spalmi ‘na pomada e ‘rtorni monella…ah-ah! Sci fusse vero, me ne darìa a quintalàde! Me la spargio co’ la cariola da muratore!
– Dopo vai troppo indiedro co’ l’anni! Ardiventi de primo pelo!
– Sa’ a Ippolìdo…non je pare vero!! Mango me ‘rconosce!
– E apposta, mango te ‘rconosce…pùsala ‘n po’, va.
– Marì!
– Ooh.
– Guarda chì.
– N’antra ‘olta.
– Sci. Ampò sta bottijetta.
– Que c’ha?
– “Gel bio-estetigo effetto snellente. Anti-cuscinetti azione rapida. La formula d’avanguardia agisce quo…quotidianamente sulla cellulide”.
– Ce vorìa qualco’ che ce rdà el cervello, altro che cuscini e cuscinetti!
– Aah, pe’ la zocca non ce basta la poziò de San Francesco!
– Ma leveme ‘na curiosità: quanto costerìa ‘sta crema pe’ i lardelli?
– 68 euri e cinguanta.
– Eeh?! Settanta euro pe’ ‘na spennellàda de biango su le chiappe?? Ma sarà matti! Sai que te digo? Che appena ‘rivo a casa, me strafogo de panettù, a la faccia de chi me vòle male!
– Ma ancora magni el panettò?
– Capirai, finide le feste, ‘sta roba te la tira ntel carrello! Tra pandori e panettoni presi in offerta, famo colazio’ co’ Motta fino a Pasqua!
– Piuttosto: è n’ora che semo chì dentro e ‘ncora dovemo riempì el carello…chissà que magno oggi??
– Ma come? C’è l’imbarazzo de la scelta: spumanti, costolette d’agnello, vincesgrassi, merluzzi freschi congeladi!
– Marì.
– Ooh.
– Guarda ‘n po’…non ce posso crede…
– COJÒ…ARCOMINCIAMO! GIMO VIA, VA’!

Gioia Morici

gioia.morici@qdmnotizie.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA