Connect with us

Breaking news

ANCONA / Alle 17.35 Santiago è arrivato all’ospedale di Torrette (video)

Fine di un incubo per il giovane jesino rientrato finalmente dalla Thailandia dopo l’incidente del 20 giugno che lo aveva paralizzato

ANCONA, 26 settembre 2020 – Alle 17.35 l’ambulanza dell’Avis di Montemarciano ha accostato di fronte al reparto Malattie infettive dell’ospedale di Torrette: ad attendere Santiago Loccioni, proveniente da Roma, il padre Marcello e lo zio Maurizio.

Appena il portellone si è aperto il padre ha tirato un sospiro di sollievo, ha chiamato il figlio, si è sincerato delle sue condizioni, e lui gli ha risposto: «Sì ho fatto un buon viaggio». Stanco ma lucido, il giovane jesino 29enne, vittima il 20 giungo scorso di una caduta che l’ha paralizzato – a causa delle fratture multiple riportate – è rimasto bloccato in Thailandia dove si era recato per lavoro, animatore di villaggi turistici.

Poche parole: «Ciao Santi, amore mio», anche lo zio gli si è stretto attorno. L’odissea di Santiago, e l’apprensione della famiglia, sono finite, almeno la prima parte, ora lui dovrà affrontare le cure per uscire da una situazione che l’ha devastato nel fisico e nel morale. Quattro voli rimandati, burocrazia, l’aspetto sanitario legato al Covid – Santiago è risultato negativo ai quattro tamponi fatti – ingenti spese ospedaliere, il tentativo di approdare a un volo di Stato, andato a vuoto. Ma tanta solidarietà attiva che ha smosso i cuori e la partecipazione di tanti.

«Santiago – rammenta comunque amareggiato il padre – è l’unico caso di un italiano, precipitato in un burrone in Tahilandia, tutto rotto, che guadagna 820 euro al mese, che è dovuto rientrare a proprie spese su un volo di linea, assistito da una badante thailandese. Si è dovuto fare 16 ore di ambulanza prima di imbarcarsi sull’aereo a Bangkok, quindi altre 16 ore di volo sino all’Olanda, qui tre ore fermo col rischio di rimanere bloccato se gli si alzava la febbre e finire in un altro ospedale, circa tre ore per arrivare a Roma e altrettante per giungere qui ad Ancona. È la storia di un italiano che all’estero si è fatto male».

4F9D55EB-B7E1-4287-9E56-5CC472E13288 0F97AF2B-0DA4-4C9A-B19E-4247F5894445 4CEC3859-A137-454F-9D41-0344DDD65B3D 16217424-5C7B-4566-B8F4-EE3DE092E093 221F5856-54AE-438C-9B6A-5161725E7274 41C30230-A5DF-4276-BEA4-512725263981 848ECAA4-55F3-42E7-A2C4-56361CFC08B3 C84132F1-1566-4F28-BA5B-359352E98769 09707F8B-B990-4968-BB13-3BC77C2F19D8 AB947568-09F2-4BE4-9B3B-EA6FE4BC4D80 43D245BA-5DF6-4167-8021-3E3F1A22448A DAAD68E6-F251-4ECC-9FDA-E6073A084F79
<
>

«Ringrazio tutti quelli che ci hanno aiutato, dal profondo del mio cuore».

Domani arriveranno la mamma e il fratello dalla Svizzera, dove risiedono, mentre la badante sarà ospitata in una stanza messa a disposizione del vescovo Gerardo nella sede della Caritas di via Papa Giovanni XXIII, a Jesi.

Pino Nardella

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
  •   
  •  
  •  
  •   

La Fenice - cremazione animali


Meteo Marche

Copyright © 2018 - Tutti i diritti riservati Associazione Culturale Massa Actii - via Roma, 18 - Cupramontana (An) Italy - P.IVA 02573660426 - tel. +39 0731 789023 - Registrazione c/o Tribunale di Ancona n° 1/13 del 14/01/2013 - Direttore Responsabile Oddino Giampaoletti.