Segui QdM Notizie

Cronaca

Jesi «’L mestiere del Sindaco», Marinella Cimarelli dona la sua poesia al Comune

«El Sindachetto nostro nol famo sbudellà, cercàmo a voleje bè.. e ricordàmoce de ringrazià!», questo e altri componimenti in vernacolo sono stati consegnati all’assessore Luca Brecciaroli

Jesi L mestiere del Sindaco è la poesia di Marinella Cimarelli che da qualche giorno ha trovato la sua collocazione nell’atrio del Comune.

Un componimento in vernacolo che la scrittrice – poetessa, ex assistente sociale in pensione, ha voluto donare all’Amministrazione comunale, insieme ad altre opere.

È stata accolta lo dcorsi fine setimana dall’assessore alla cultura Luca Brecciaroli che si è complimentato con lei «per la vena poetica inesauribile».

Marinella Cimarelli, pensionata da fine 2017, dopo 40 anni di onorata carriera come assistente sociale al Distretto territoriale di Jesi, al Consultorio per minori e nella Direzione sanitaria dell’ospedale “Carlo Urbani”, da anni coltiva la passione per la scrittura.

Marinella Cimarelli

«Ho iniziato a scrivere da quando c’è stato l’attentato alle Torri Gemelle – ha raccontato – sono all’11° libro edito, tra brevi romanzi, racconti, autobiografie e raccolte di poesie, sia in vernacolo che in lingua italiana».

Vincitrice di diversi premi e riconoscimenti a livello nazionale e internazionale e menzioni d’onore, ha rappresentato le scenette in dialetto jesino al Teatro Il Piccolo di San Giuseppe quando è uscito il suo libro Botte e risposte, a sfondo ironico.

«Gente non ve credéde che è facile comannà – recita la poesia che ora campeggia nell’atrio comunale – (…) El Sindachetto nostro nol famo sbudellà, cercàmo a voleje bè..e ricordàmoce de ringrazià!».

‘L MESTIERE DEL SINDACO di Marinella Cimarelli

Gente non ve credéde che è facile comannà,

non vedede in giro quanta gente da contentà?

E quello la vòle cotta, quell’altro la vòle cruda,

chi magna li spaghetti e chi domànna la verdura…..

Chi se alza la madìna e già je gira storto,

capace che le talpe je s’ha magnàdo l’orto…

o i passeri sul tetto j’ha smòsso tutti i coppi,

sci non se pone riparo più o meno semo cotti!!!!

Ce ne vòle de pazienza stàlli tutti a sentiì,

se dice «I soldi da uno perèsse è tutti chì!»

Pian piano se fa tutto…io non me scoraggio

pijo ‘l nummerétto come la fila pél formaggio,

po’ spètto ‘l turno mìa che ‘l Sindaco me contènta,

tocca à dàsse tempo, la cosa non me spaventa…

Cò la bacchetta magica se farerebbe nté ‘n minùdo

ma chì non è questiò d’armàsse cò lo scudo!

Non gìmo a fa la guèra,  e màngo al contrattacco,

bevémoce ‘n bòn Verdicchio alla salùde del Dio Bacco!

Magnàmoce ‘n pezzo de pà,  che ce pija ‘l malvagio

cò la fuga ‘n se risolve,  bisogna gì più adagio….

El Sindachetto nostro nol famo sbudellà

cercàmo a voleje bè.. e ricordàmoce de ringrazià!!!!

© riproduzione riservata

News